partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Francesco Guccini
Cittanòva blues
Miroslav Krleža
Il ritorno di Filip Latinovicz
Vanni Santoni
Gli interessi in comune
Kurt Vonnegut
Un pezzo da galera
Caro Vecchio Neon
Dedicato a David Foster Wallace
Luciano Ligabue
La neve se ne frega
Francesco Sapone
E di sorpresa abbiamo 40 anni (Ora solo io ora)
Piero Galletti e Maurizio Fabretti
Più colla compagni. Una storia degli anni '70
J. R. R. Tolkien
Lo Hobbit
Juan Manuel De Prada
La tempesta

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2017 - 21:57

 

  home>libri > cult

Scanner - libri
 


Francesco Guccini
Cittanòva blues
Una generazione ritratta in movimento, senza nostalgie né celebrazioni
Mondadori) 2003, pag 217, ISBN-10: 8804522496, ISBN-13: 9788804522492

 




                     di Paolo Boschi


All’attività principale di musico ed artigiano della ballata d’impegno da sempre Francesco Guccini ha affiancato un contraltare letterario caratterizzato da un’indubbia capacità affabulatoria, la stessa che il cantautore modenese, classe 1940, ha profuso sul palcoscenico dove, ormai da decadi, tra una canzone e l’altra si sono udite riflessioni, prediche, aneddoti e squarci di varia umanità. Partorito dopo Croniche epafaniche e Vacca d’un cane, questo Cittanòva blues costituisce anche l’ultima parte del romanzo memoriale che da anni Guccini va scrivendo in una riuscita mescolanza di citazioni dotte, sprazzi d’umorismo, grammelot, forestierismi vari e, ovviamente, dialetto – non sembra un caso se l’ultima fatica gucciniana su carta si conclude con un intrigante dizionario di parole ed espressioni tipiche della sua terra –. Dopo le atmosfere appenniniche e modenesi in Cittanòva blues la trilogia gucciniana va a chiudersi in una Bologna raccontata per fotografie ‘scattate’ tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio dei Settanta. La parte del leone ovviamente la fanno gli anni Sessanta, i dinamici anni del boom economico, quando nelle tasche dei giovani d’allora ristagnavano poche lire, ma tutto era marcato da un desiderio di scoperta e condivisione oggi ignoto ai più, e si diffondevano i primi gruppi musicali, che allora non si chiamavano band ma autarchicamente complessi. Guccini racconta e tratteggia a nostro uso e consumo copiosi squarci della sua Cittanòva coeva e della sua generazione di allora, una di quelle che nel secolo scorso si è maggiormente impegnata per cambiare il mondo, sognando e lottando, talvolta anche commettendo alcuni errori, qui ritratta in movimento, senza nostalgie né celebrazioni di sorta.

Francesco Guccini, Cittanòva blues (Mondadori) 2003

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner