partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Crave
Di Sarah Kane
Era la nostra casa
Scritto e diretto da Nicola Zavagli
Teatro popolare d’arte
Tutto Scorre - una favola nera
Tre donne in cerca di guai
Regia di Nicasio Anzelmo
Call Me God
Finalmente l'edizione italiana
Piero della Francesca
Il punto e la luce
Raffaello Baldini
Cantiere poetico
Roma Fringe 2015
Il festival entra nel vivo
15/45 Uno studio sulle guerre
Tre atti teatrali sul desiderio della libertà
Lab danza
Due appuntamenti

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  22/09/2017 - 17:13

 

  home>live > appuntamenti

Scanner - live
 


Crave
Di Sarah Kane
Regia Pierpaolo Sepe, Con Gabriele Colferai, Dacia D'acunto, Gabriele Guerra e Morena Rastelli. Foto di scena Peppe Russo.
In scena dal 26 al 28 febbraio 2016 al Teatro Fabbricone di Prato

 




                     di Giovanni Ballerini


"Cosa vuoi? – Morire" e "Se arrivasse l’amore", delineano un destino di solitudine, un destino collettivo, individuale e personale. Nel fluire di parole è il gioco folle, spietato e disperato della vita a cui tutti siamo destinati: “io non scrivo che la verità eppure essa mi uccide”. A risultare su tutto è dunque la febbre d’essere della disperata, depressa, alcolizzata, drogata, lesbica, eppure lucida e talentuosa scrittrice. Sarah Kane, prematuramente scomparsa nel 1999, ha scritto cinque testi teatrali indagando gli abissi del dolore e del desiderio, della speranza e della disperazione".
Uno dei più celebrati, Crave, va in scena dal 26 al 28 febbraio al Teatro Fabbricone (feriali ore 21, festivo ore 16) come tappa finale di uno studio che il regista Pierpaolo Sepe conduce da alcuni anni sulla drammaturgia dell’autrice britannica e su quest’opera in particolare.
“Qualsiasi modalità si scelga per mettere in scena un testo di Sarah Kane, lo si tradirà - afferma il regista Pierpaolo Sepe - Il motivo è insito nella scrittura stessa di Crave, in italiano tradotto come Febbre, che racchiude, nel suo titolo originale, il violento e inappagato desiderio dell’autrice per la vita, la bellezza e la verità. Un bisogno tanto irraggiungibile da portarne alla prematura scomparsa per sua stessa mano: una non scelta, l’incapacità assoluta di sopravvivere al mondo, propria delle anime fragili”.
I protagonisti sulla scena sono quattro - Gabriele Colferai, Dacia D'acunto, Gabriele Guerra e Morena Rastelli - e se già nel testo della Kane si chiamano solo A, B, C ed M, anche la regia di Sepe li definisce come entità spersonalizzate, con psicologie che si fondono in ondate emotive tradotte in immagini violente, dialoghi spezzati, monologhi, singole frasi, invocazioni e frammenti di storie, contorni del mosaico di una vita.
 “Non si è mai così forti come quando si sa di essere deboli se si accetta l’orrore, l’incapacità, il dolore, l’umanità - dice Pierpaolo Sepe - . Dalla scrittura della Kane nasce un testo di parole incatenate, rapido susseguirsi di concetti spezzati e concitati, al teatro spetta il ruolo di trasformarlo in immagini, dar colore all’oscurità, ordine al caos e disordine alla riga. Interpretare e, dunque, tradire, con il desiderio, quello più assoluto. Crave è la febbre, il desiderio di vivere di quattro anime, rinchiuse in un mondo proprio, nell'incomunicabilità più assoluta che affrontano, soli, con un destino già segnato. D'altronde, cos'è la vita se non una parentesi concitata tra momenti di non esistenza? Vivere è un gioco, quello dello stare al mondo e “non sempre si può”, almeno non seguendo le proprie regole né tantomeno quelle altrui. La ricerca del sé si infrange contro il muro della realtà e non c'è pace, non c'è amore, non c'è perdono nè riposo in questo inferno che chiamiamo vita. Sono le parole poetiche della Kane, dunque, a reggere il gioco teatrale: il reiterarsi delle battute”.


Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner