partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/06/2018 - 08:36

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Carlo Lucarelli
Un giorno dopo l'altro
Torino, Einaudi, 2000; pp. 264
Un avvincente mosaico narrativo

 




                     di Paolo Boschi


La faccia nascosta della luna
L'ottava vibrazione
Laura da Rimini
Lupo Mannaro
Un giorno dopo l'altro
L'isola dell'angelo caduto
Autosole
Il giorno del lupo
Compagni di sangue
Almost Blue - Il film
Almost Blue - Il romanzo


Per farci entrare dentro il suo ultimo romanzo dalla porta principale Carlo Lucarelli ha architettato un efficace trittico d'apertura. I tre protagonisti di Un giorno dopo l'altro ci vengono presentati in rapida successione proiettandoci nella storia in presa diretta: il primo si chiama Vittorio, ed è uno spietato killer ritratto mentre uccide per legittima difesa; poi arriva Alex, un ragazzo triste e col cuore spezzato, che ascolta maniacalmente la canzone di Tenco che ha prestato il titolo al romanzo; infine Grazia Negro, poliziotta in forza alla Mobile di Bologna e specialista nella caccia ai latitanti, una vecchia conoscenza dei lettori di Almost blue. Il punto di collegamento tra i tre personaggi è il pit bull, il cane più pericoloso del mondo, ovvero la firma che Vittorio usa lasciare sul luogo dei suoi delitti. A Grazia capita di trovarsi appunto in mezzo ad uno dei suoi lavori più riusciti: un intero covo di mafiosi finiti trucidati mentre lei ed i suoi soliti pards Sarrina e Matera li stavano sorvegliando. Vittorio il killer non ha nessun tipo di strana psicosi omicida, non è il classico serial killer, semplicemente un professionista dell'assassinio esperto in travestimenti: l'unico modo di mettersi in contatto con lui è da una chat di un provider bolognese. E capita che il lavoro del ragazzo di cui sopra, triste e depresso perché la sua ragazza, Kristine, l'ha lasciato, sia proprio controllare part time le chat proprio di quel provider bolognese: capita inoltre che la ragazza che gli ha spezzato il sogno d'amore l'abbia lasciato in compagnia di un cane (un tentato regalo di Alex) che sembra un pit bull ma in realtà è un american stafford, ed anche abbastanza docile. Ma il legame sottile che lega le esistenze dei tre protagonisti a livello esistenziale è forse proprio la struggente canzone di Tenco, perché in fondo tutti e tre non fanno che trascinare stancamente le loro vite un giorno dopo l'altro, appunto: il giovane Alex soffre ma non si decide ad andare a Copenaghen per capire se la sua storia con Kristine ha un futuro; Grazia convive con il non vedente Simone (il co-protagonista di Almost blue) ma non sa più se ne è innamorata (né se è rimasta incinta); infine Vittorio, che vive un'esistenza pseudo-borghese ed stato addestrato fin da bambino all'arte dell'omicidio, che è un vero professionista, senza sentimenti, ma passa il suo tempo a guidare in autostrada ascoltando i silenzi rumorosi dei propri pensieri. Con Un giorno dopo l'altro Carlo Lucarelli, classe 1960, parmigiano di nascita e bolognese d'adozione, ha scritto il suo romanzo migliore: personaggi intriganti e di spessore, un pugno di tematiche contemporanee, il tutto miscelato con notevole sapienza narrativa e con l'immancabile giallo di sottofondo, perché alla fin fine si tratta pur sempre di un caso da risolvere e di un colpevole da assicurare alla giustizia. Il fatto è che il mosaico funziona sempre al meglio, 'prende' il lettore e lo porta con sé verso l'ultima pagina: Lucarelli non è più soltanto il miglior giallista italiano, questo romanzo lo conferma come uno dei migliori scrittori su piazza.

Carlo Lucarelli, Un giorno dopo l'altro, Torino, Einaudi, 2000; pp. 264

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner