partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  14/12/2018 - 15:39

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Carlo Lucarelli
L'ottava vibrazione
Torino, Einaudi, 2008; pp. 461

 




                     di Paolo Boschi


La faccia nascosta della luna
L'ottava vibrazione
Laura da Rimini
Lupo Mannaro
Un giorno dopo l'altro
L'isola dell'angelo caduto
Autosole
Il giorno del lupo
Compagni di sangue
Almost Blue - Il film
Almost Blue - Il romanzo


È un grande inventore di storie Carlo Lucarelli, classe 1960, e un imperterrito conoscitore degli abissi dell’animo umano. Finora ha scritto soprattutto romanzi e racconti di genere: noir, gialli, polizieschi, storie di marca fantastica e soprannaturale, ma anche libri di inchieste su casi giudiziari, che spesso poi sono finiti anche sul piccolo schermo nel popolare programma “Blu Notte – Misteri Italiani” che da anni Lucarelli conduce sulle frequenze della Rai. L’autore di Almost Blue in ogni caso non si è limitato alla narrativa di genere, ma ha scritto finora almeno un grande romanzo destinato a restare negli annali letterari con Un giorno dopo l’altro. Ci ha anche raccontato pagine meno note del ventennio fascista, come ne L’isola dell’angelo caduto. Non aveva però mai provato a giocare la carta di un romanzo storico di ampio respiro, un genere che nel nostro paese da Alessandro Manzoni in poi costituisce la massima forma d’espressione artistica dal punto di vista letterario. Lo ha fatto di recente con L’ottava vibrazione, un romanzo ambientato in Etiopia alla fine del secolo scorso, giusto un attimo prima della pagina più infamante del colonialismo europeo in Africa, ovvero la leggendaria sconfitta che il nostro esercito riportò ad Adua, la prima e la più colossale mai subita dai colonizzatori del vecchio continente. Il titolo Lucarelli l’ha mutuato da alcuni versi del poeta etiope Tsegaye Gabrè Medhin: "[..] Questa è la terra dell'ottava vibrazione / dell'arcobaleno: il Nero. / È il lato ocuro della luna, / portato alla luce. / Ultimo colpo di pennello nel dipinto di Dio". L’ottava vibrazione si apre con uno sguardo corale sulla realtà multietnica di Massaua nel 1896, facendoci entrare da una serie di porte secondarie nel cuore di una città cosmopolita dove i destini di molti personaggi s’intrecciano fatalmente. L’ambiente privilegiato che Lucarelli tratteggia è quello dei militari italiani di stanza nel paese, delle donne locali che li frequentano, dei connazionali che arrivano cercando fortuna o per sfuggire a qualcosa, talvolta anche per cercare chi sta fuggendo. Lucarelli resta comunque un maestro del noir e dunque in questo scenario storico non poteva mancare l’indagine non autorizzata di un detective letteralmente ossessionato dalla ricerca di un omicida di bambini. Nel variegato quadro del romanzo spiccano figure storicamente caratteristiche della realtà storica coloniale come ad esempio la Madama, termine usuale per definire la compagna (clandestina) di ufficiali italiani regolarmente sposati in patria, oppure l’ambigua ed inquietante figura della sinuosa Aicha. L’ottava vibrazione assembla tradimenti e amori, perversioni ed ingenuità, i soprusi dei potenti e la solidarietà degli umili, in uno scenario dove il quotidiano talvolta s’interseca pericolosamente con il magico. Nel frattempo tutti i personaggi, si tratti di uomini, donne, bambini o soldati, stanno irresistibilmente precipitando verso il proprio destino, ovvero la battaglia di Adua. Da Lucarelli una nuova esplorazione nel lato oscuro dell’anima, tratteggiata mentre un’oscura pagina di storia italiana s’ammanta di leggenda…

Carlo Lucarelli, L'ottava vibrazione, Torino, Einaudi, 2008; pp. 461

Voto 8½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner