partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
I’m with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light
The Charlatans
Who We Touch

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/12/2017 - 15:54

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


Oasis
Heathen Chemistry
[Sony 2002]

 




                     di Paolo Boschi


(What's the story) Morning glory?
Be here now
The Masterplan
Standing on the shoulder of giants
Heathen Chemistry


Ecco a voi il quinto album di studio dei turbolenti fratelli Noel & Liam Gallagher, da sempre croce e delizia dei loro ammiratori, da sempre mente e voce degli Oasis, da sempre incessanti riattualizzatori del sound made in Fab Four ma, strano a dirsi, (quasi) sempre piuttosto intriganti. Già, a prescindere dall’inevitabile antipatia che i due (soprattutto Liam) sono soliti ispirare con una vena di sottile autocompiacimento, è d’obbligo riconoscere alla musica degli Oasis un’indubbia capacità di presa, tutta giocata su ritmi orecchiabili e sul naturale magnetismo della voce di Liam. A parte queste considerazioni preliminari, alla fin fine il giudizio su una manciata di canzoni si basa appunto sulla qualità e l’originalità del sound elaborato dall’autore e Noel Gallagher, in tal senso, sorprende per la curiosa capacità di catturare l’immaginario dell’ascoltatore, nonostante la sua musica molto ‘citazionistica’ ed una relativa capacità d’invenzione testuale: insomma, per il più maturo Gallagher vale più che mai l’adagio degli Stones: “It’s only rock and roll, but we like it”. E così, dopo un album essenziale (ma bello) come Be here now, dopo un disco rutilante (ma poco ispirato) come Standing on the shoulder of giants ed un live-verità come Familiar to millions, era assolutamente logico che arrivasse (finalmente) un bel disco, essenziale ed ispirato, ovvero Heathen Chemistry che, nell’economia della carriera del gruppo vale un ritorno alle sonorità più ruvide che marcavano sia Definitely Maybe e (What’s the story) Morning glory: resta solo da vedere quale livello di successo commerciale raggiungerà ma, in fondo, i due fratelli di Manchester non hanno più problemi simili dal 1995, data d’uscita del loro secondo disco ed attuale bestseller. E dunque scendiamo nel dettaglio della tracklist: stavolta si contano dieci brani più un contagioso brano strumentale, e ben tre (due notevoli) sono uscite dalla penna del Gallagher minore. L’apripista è il singolo The Hindu times, un rock ruspante e sorretto da una tramatura chitarristica vagamente orientaleggiante (Beatles docent, per l’ennesima volta), una canzone quasi tradizionalmente da repertorio Oasis, ed ideale per la voce di Liam. Ad ogni modo si tratta di una buona partenza e, dato che chi comincia bene è a metà dell’opera, ad un dipresso arrivano altre gemme variate ed ispirate: a partire dall’atmosfera anni Settanta che si respira dalle parti di Force of nature ed alla rabbia sonora che anima Hung in a bad place, brano firmato dal chitarrista Gem Archer. A ruota segue la prima, immancabile ballata Oasis-style, Stop crying your heart our, che apre una parentesi intimista e sentimentale nel corpo centrale di Heathen Chemistry con l’essenziale Songbird, la più ritmata Little by little e quindi (Probably) All in the mind, ennesimo tentativo di Noel di emulare il sound di Champagne Supernova et similia. La coda presenta un tranquillo folk rock di Noel e le due sopracitate perle composte da Liam: la conclusiva Better man è un brano bluesato e sporco, graffiante quanto basta, mentre Born on a different cloud è l’indiscusso gioiello dell’album, un’ombrosa ballata con voce distorta che (diciamolo) pare uscita dal repertorio di John Lennon, da sempre nume tutelare di Liam Gallagher. Nel complesso un bel disco: i migliori Oasis on stage da diversi anni a questa parte.

Oasis, Heathen Chemistry [Sony 2002]

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner