partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
I’m with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light
The Charlatans
Who We Touch

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/11/2017 - 11:08

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


Gomez
Whatever's on your mind
Un sound semplicemente imprevedibile
[2011 Ato]

 




                     di Paolo Boschi


Loro sono Ian Ball, Olly Peacock, Paul Blackburn, Tom Gray e Ben Ottewell, vivono sparsi rispettivamente tra Los Angeles, New York e Brighton, Inghilterra, ma il loro sodalizio è più solido che mai: insieme compongono la band dei Gomez, un gruppo indie rock attivo dalla fine degli anni Novanta e Whatever's on your mind è il settimo album di studio che hanno pubblicato nella loro ultradecennale carriera. Nessuno dei loro lavori, tranne il fulminante disco d'esordio Bring it on, ha conquistato il grande pubblico, nonostante le ottime recensioni rastrellate ad ogni nuova uscita. L'ultima fatica targata Gomez è nata al solito attraverso un efficace lavoro di raccordo a distanza: il risultato sono dieci tracce che ripropongono il variegato bagaglio del gruppo, capace di spaziare tra rock e folk, soul ed elettronica, con un pizzico di sonorità esotiche ad amalgamare il tutto, un sound semplicemente imprevedibile a volerlo stringere in una definizione. Nella tracklist, che assortisce canzoni per quaranta minuti scarsi (il formato classico dei vecchi LP), sono confluiti brani composti negli ultimi due anni, che poi la band ha inciso in uno studio di Charlottesville, in Virginia, in neppure un mese di registrazioni. Ma entriamo senz'altro nel merito del disco, lasciando parlare la musica: si comincia a mille con la dinamica Options, tutbelta costruita intorno al contagioso riff chitarristico iniziale, al rombante incedere delle percussioni ed all'irresistibile voce del grande Ben Ottewell. A ruota l'album propone i ricchi ed armoniosi arrangiamenti dell'ariosa I will take you there, per poi continuare lasciando spazio all'epica ugula di Ian Ball per la tracklist, una classica ballatona Gomez-style, malinconica ed intensa da far male. Whatever's on your mind prosegue con la dolcissima Just as lost as you, dolcissima, essenziale ed in una progressione emotiva che i Coldplay apprezzerebbero: ne è protagonista Ben Ottewell per la parte vocale, mentre nella traccia successiva, ombrosa ed affidata ad un altro funzionale riff di chitarra, si lascia affiancare da Ian Ball ai controcanti, che poi conquista la scena in Our goodbye, altra superba ballata, delicata, essenziale e melodica, debitrice stavolta degli ultimi Beatles. I due cantanti dei Gomez interpretano insieme con la consueta bravura la successiva Song of my heart, il primo mezzo passo falso del disco, perché non particolarmente originale né troppo ispirata, nonostante un gradevole riff di chitarra. Subito dopo i Gomez continuano con Equalize, una sperimentazione elettronica non del tutto riuscita ma che si riscatta in parte per l'energia e le alchimie sonore. La coda dell'album presenta prima le alchimie elettroniche di That Wolf senza stupire molto, poi i Gomez chiudono davvero in bellezza con un ottimo esempio del loro repertorio, ovvero X-Rays, in grado di combinare un po' tutte le frecce musicali dei cinque membri: da un attacco essenziale la canzone si sviluppa con un impasto a pronta presa tra basso e chitarra, per poi svilupparsi in un crescendo di emozioni. Nel complesso un gran bel disco con occasionali momenti di pausa, uno dei più riusciti degli ultimi Gomez, di cui si può dire tutto meno che cerchino facili approdi al successo di massa: loro continuano (per fortuna) ad essere se stessi, a sperimentare e ad incidere nuovi dischi, obbligando tutti i cultori della buona musica a non perderli d'occhio in attesa dell'immancabile prossima meraviglia. Passate parola, dunque...

TRACKLIST
“Options”
“I will take you there”
“Whatever’s on your mind”
“Just as lost as you”
“The place and the people”
“Our goodbye”
“Song in my heart”
“Equalize”
“That wolf”
“X-rays”

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner