partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Muse
Will of the people
Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
I’m with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  29/11/2022 - 08:35

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


Muse
Will of the people
Dopo i live di questa estate esce il nono album del gruppo inglese
Pubblicato il 26 agosto 2022 dalla Warner Records. debutta direttamente al n. 1 della classifica ufficiale Fimi/Gfk degli album e dei vinili

 




                     di Giovanni Ballerini


Protagonisti dell’appuntamento di punta di Firenze Estate 2007 con il sorprendente concerto che li vide suonare davanti al David al Piazzale Michelangelo, si sono riproposti sulla ribalta fiorentina nel giugno 2022 come gruppo headliner dei concerti di Firenze Rocks alla Visarno Arena nel parco delle Cascine. Stiamo parlando dei Muse, che in questi anni hanno vinto numerosi premi musicali, tra cui due Grammy Awards, un American Music Award, cinque MTV Europe Music Awards, due Brit Awards, undici NME Awards e sette Q Awards.
Ma torniamo al presente, la band inglese che questa estate a Firenze ha incendiato di ritmo e abbracciato i suoi fan con l’epico e ambizioso live, imperlato di successi e di una serie di anteprime dei pezzi del nuovo disco, pubblica finalmente il suo nono lavoro. Si chiama Will of the People ed è uscito il 26 agosto 2022 su etichetta Warner Records stabilendo subito nuovi record.
Il nuovo album dei Muse ha infatti debuttato direttamente al n. 1 della classifica ufficiale Fimi/Gfk degli album e dei vinili. In un mercato dominato dalla musica italiana, i Muse sono gli unici artisti internazionali, oltre ad Harry Style, ad aver raggiunto questo traguardo in tutto il 2022.
“Will Of The People è nato tra Los Angeles e Londra ed è influenzato dalla crescente incertezza e instabilità nel mondo - dice a proposito dell’album il frontman della band Matt Bellamy -. La pandemia, nuove guerre in Europa, massicce proteste e rivolte, un tentativo di insurrezione, destabilizzazione della democrazia occidentale, crescente autoritarismo, incendi e disastri naturali e la destabilizzazione dell'ordine globale hanno influenzato Will Of The People. È stato un periodo di preoccupazione e spaventoso per tutti noi poiché l'impero occidentale e il mondo naturale, che ci hanno cullato per così tanto tempo, sono veramente minacciati. Questo album è un viaggio personale attraverso quelle paure e la preparazione per ciò che verrà dopo".
Anche il resto dei brani che confermano il gruppo alternative rock inglese ai vertici delle classifiche mondiali, sono mossi da poderosi riff appoggiati spesso su testi talvolta apocalittici (cantati con intensa eleganza) e atmosfere elettroniche piacevolmente contemporanee.
Interamente autoprodotto dai Muse, l'album di 10 tracce "Will of the People" è stato anticipato dai singoli "Won't Stand Down", "Compliance", la title track "Will Of The People" e "Kill Or Be Killed". Unendo la versatilità di questi brani già pubblicati, "Liberation" riecheggia il glam rock nell'era della disinformazione, mentre c'è un'innocenza e una certa purezza nelle trame elettroniche di "Verona". A parte la struggente ballad "Ghosts (How Can I Move On)", l'energia frenetica della band è palpabile con l'impeto fulmineo di "Euphoria", mentre "We Are Fucking Fucked" chiude il lavoro con dinamiche loud/quiet/loud e lucide follie. Il tutto in un continuo e godibile cambio di atmosfere e sonorità, ma anche con studiati effetti scenici. Non è infatti un caso che gli show dei Muse siano memorabili e che i loro successi illuminino (senza mai ripetersi) di poesia onirica e ritmo (splendidamente compatto) dalla metà degli anni 90 la dark side del pop rock britannico. E non solo.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner