partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
I’m with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light
The Charlatans
Who We Touch

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/11/2017 - 11:02

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Un decimo album compatto e coerente
[Virgin 2011]

 




                     di Paolo Boschi


Burn to shine
Diamonds on the inside
Give ‘till it’s gone


Al traguardo del decimo album in carriera Ben Harper, classe 1969, ha deciso di incidere un disco a proprio nome, senza band di supporto, né gli storici Innocent Criminals né i recenti Relentless 7 del precedente lavoro. Il risultato è il solito buon disco a cui Harper ha abituato lo zoccolo duro dei suoi ammiratori, non l'album migliore di sempre, sicuramente non ai livelli di Lifeline, che senza dubbio è il suo lavoro più ispirato dal 2000 ad oggi. Intendiamoci: il cantautore californiano di Claremont ha livelli talmente alti che anche i suoi dischi meno riusciti sono comunque lavori ampiamente sopra la media. In particolare Give ‘till it’s gone assortisce complessivamente undici tracce che lasciano emergere tutte le sfaccettature musicali di Ben Harper, un disco dunque che rappresenta un ottimo campionario delle possibilità dell'artista. Si comincia con un paio di ballate ad alta presa emotiva come l'intensa on’t give up on me now e l'ombrosa I will not be broken. Alla terza canzone Harper cambia ritmo con Rock ‘n’ e roll is free, un rock teso e solare. Subito dopo il disco propone una bella ballata acustica come Feel love, seguita da un hard rock sporco come Clearly severely. La seconda metà dell'album parte con un trittico di guest di lusso: le prime due in collaborazione addirittura con Ringo Starr – l'ariosa e 'stantuffante' Spilling faith in gioioso medley con Get there from here, entrambe dai toni beatlesiani – e quindi l'amonioso duetto con Jackson Browne in Pray that our love sees the dawn. C'è ancora spazio per le blueseggianti Waiting on a sign e Dirty little lover, molto elettrica ed hendrixiana. La chiusa, vagamente funkeggiante, è affidata alla conclusiva Do it for you, do it for us. Nel complesso Give ‘till it’s gone si presenta come un disco compatto sotto il versante tematico e coerente sotto quello musicale in merito alla ricerca avviata da Harper fin dall'esordio, molte lune fa. Da non perdere.

Ben Harper, Give ‘till it’s gone [Virgin 2011]

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner