partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
I’m with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light
The Charlatans
Who We Touch

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/11/2017 - 11:08

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


Foo Fighters
Wasting Light
Un bel disco dalle sonorità dinamicamente vintage
[Rca Records 2011]

 




                     di Paolo Boschi


Dal lontano 1994 ad oggi i Foo Fighters dell'ex Nirvana Dave Grohl hanno inciso sette album imponendosi come una delle più convincenti band hard rock del periodo post grunge. La loro fatica del 2011 s'intitola Wasting Light ed è il frutto maturo della formazione, un quintetto che attualmente oltre allo stesso Grohl (voce e chitarra) assortisce Chris Shiflett (chitarra), Pat Smear (chitarra), Nate Mendel (basso) e Taylor Hawkins (batteria e percussioni). Wasting Light è il primo disco d'inediti da quattro anni a questa parte, presenta una tracklist di complessive undici tracce e in cabina di produzione si è avvalso dell’apporto di Butch Vig dei Garbage, già storico produttore del celebrato Nevermind dei Nirvana. L'attacco del disco è a dir poco emozionante: si comincia bruciando le polveri con la dirompente Bridge Burning, poi arrivano l'intensa Rope e il power pop a pronta presa di Dear Rosemary, cantata a due voci da Grohl con Bob Mould. Seguono a ruota le graffianti White Limo e Arlandria, che poi cedono il passo ad un'intensa ballata a due anime (acustica ed elettrica) come These Days. La seconda parte del disco alterna rispettivamente Back & forth, ombrosa e tirata, quindi l'eterea A matter of time (forse il pezzo più FM di tutto l'album), la ruvida Miss the Misery, l'insostenibile I Should Have Known ed infine la sincopatissima Walk, che chiude il discorso, almeno per stavolta. Un bel disco dalle sonorità dinamicamente vintage, il che non stupisce dato che i Foo Fighters si confermano gruppo dal vivo per eccellenza anche sul fronte delle incisioni: Wasting Light infatti è stato interamente registrato nel garage di casa Grohl utilizzando esclusivamente materiale analogico. E si sente, dato che il disco – suonato davvero a meraviglia (i Foo Fithters sono una sicurezza da questo punto di vista) – ci riconsegna in pieno quel ruvido sound che ha fatto la fortuna del gruppo americano. Da provare.

Foo Fighters, Wasting Light [Rca Records 2011]

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner