partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Le Luci della Centrale Elettrica
Si spengono in tour
Fiumani – Spalck
Il primato dell’immaginazione
Antonio Aiazzi
Lnea gialla
Max Gazzè
Alchemaya
M.E. Giovanardi e il Sinfonico Honolulu
Maledetto colui che è solo
Viola
Sheepwolf
Lory Muratti
Scintilla
Simone Cristicchi
Album di famiglia
Francesco Guccini
L'ultima Thule
Franco Battiato
Apriti Sesamo

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/02/2020 - 22:41

 

  home>musica > italiana

Scanner - musica
 


Jovanotti
Lorenzo Live
[Mercury 2001]
Autobiografia di una festa

 




                     di Paolo Boschi


Lorenzo 1999. Capo Horn
Il mio nome è mai più
Il grande boh
Lorenzo Live
Cancella il debito!
Il quinto mondo
Safari
Ora


Non ha una voce di primo piano Jovanotti, in compenso ha canzoni e ritmi che parlano di vita, di energia e di crescita: dall'esordio discografico all'insegna del disinteresse giovanilistico più sfrenato, diretta emanazione della sua attività di DJ, Lorenzo Cherubini ha saputo all'inizio degli anni Novanta imprimere alla sua carriera di cantante una svolta progressiva, e da allora ha iniziato a cadenzare le uscite dei suoi album col suo vero nome seguito a ruota dall'anno di pubblicazione. Il disco cruciale sotto questo profilo è stato Lorenzo 1992, nel quale il giovane autore iniziava a differenziare per la prima volta il suo lavoro come artista, nel dettaglio come hip hopper, perché anche sotto questo punto di vista Jovanotti è stato il capofila del movimento hip hop nazionale. Dopo sono arrivati in rapida successione Lorenzo 1994, Lorenzo 1990-1995. La raccolta, Lorenzo 1997. L'albero, Lorenzo 1999. Capo Horn. Ogni nuovo disco una gradita sorpresa dal punto di vista dell'elaborazione testuale delle canzoni, dalla ricerca musicale di nuovi ritmi, da sempre più arditi esercizi di fusion tra l'hip hop e generi eterogenei: una crescita artistica testimoniata dalla maturazione del personaggio, che ha sempre continuato a mettersi in gioco, ha accettato nuove sfide (comprese le responsabilità indotte dalla fama), ha detto quel che aveva da dire con spontaneità e, molto spesso, particolare non secondario, ha avuto il coraggio di rischiare in prima persona, mostrandosi sempre onesto sotto il profilo intellettuale - vedi la presa di posizione (con Bono Vox degli U2) allo scorso Sanremo per la cancellazione del debito ai paesi del Terzo Mondo -. Lo si capiva anche dal parallelo sviluppo della sua (non comune) attitudine letteraria, con uno zibaldone di impressioni, spunti e ricordi personali, un libro strano ma seducente come Il grande Boh. Non pare un caso che dopo il matrimonio e la paternità (gli eventi più importanti vissuti nel privato) Jovanotti, classe 1966, abbia deciso di pubblicare Lorenzo Live. Autobiografia di una festa, suo ennesimo atto memoriale, cristallizzando l'esperienza del tour di Capo Horn in un live che raccoglie davvero il meglio della sua carriera e di riflesso della sua vita: allo stesso tempo si tratta di un tributo al pubblico che è cresciuto insieme a lui ed alle sue canzoni e che è così presente (e spesso protagonista) nei concerti di Jovanotti. Venendo ai numeri il doppio live antologico ('profumato' a scelta con tre diverse essenze) presenta nel complesso ventisei brani estratti dal ricco repertorio del più rappresentativo dei rappers italioti, un medley impostato su Il resto va da sé, l'inedito File not found, realizzato in collaborazione con Carlo Rossi dei 99 Posse e di Ace, il chitarrista degli Skunk Anansie, brano d'ispirazione hi-tech ma non entusiasmante. Il live presenta molti inserti parlati, tra i quali esemplare la traccia di ringraziamento al pubblico, nella quale Lorenzo annuncia ai suoi fans che la loro energia finirà su un live, scatenando immediatamente il loro entusiasmo. Nelle quasi due ore e mezzo dei due Cd è entrato davvero un po' tutto: si parte con Un raggio di sole e Dal basso e si arriva fino alla chiusura del primo disco con Non m'annoio passando per Penso positivo, Serenata rap, Il mio nome è mai + ( direttamente dal progetto Ligajovapelù). Il secondo Cd ha un attacco all'insegna del movimento: da Una tribù che balla e Muoviti muoviti si arriva fino all'inedito conclusivo, prima della chiusura in salita ritmica con la progressione di L'ombelico del mondo, Gente della notte, Ciao mamma e Ragazzo fortunato, si ritrova una scheggia pesante del passato jovanottesco (La mia moto) ed un po' di rap soft style tra Per te, Piove, Bella e Un giorno di sole. Un gran bel live che trasmette l'adrelina del pubblico e tutto l'entusiasmo e l'energia di Lorenzo & company. Yeah...

Jovanotti, Lorenzo Live. Autobiografia di una festa [Mercury 2000]

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner