partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  28/06/2022 - 15:11

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Mine vaganti
Regia di Ferzan Ozpetek
Cast: Riccardo Scamarcio, Nicole Grimaudo, Alessandro Preziosi, Elena Sofia Ricci, Ennio Fantastichini, Carolina Crescentini, Ilaria Occhini; commedia; Italia; 2010; C.

 




                     di Paolo Boschi


Le fate ignoranti
La finestra di fronte - Recensione
La finestra di fronte - Colonna sonora
Cuore sacro
Saturno contro
Un giorno perfetto
Mine vaganti


Il nuovo film di Ferzan Ozpetek, già autore de Le fate ignoranti e La finestra di fronte, segna il ritorno del regista turco alla commedia leggera e ricca d’ironia dopo la cupa parentesi di Un giorno perfetto. La storia prende avvio con il ritorno a Lecce dopo lunga permanenza a Roma per motivi di studio di Tommaso, rampollo minore dell’eccentrica famiglia dei Cantone, che tutti conoscono in quanto proprietari di uno storico pastificio cittadino. Il giovane, che nella capitale ha iniziato a vivere assecondando le sue inclinazioni, viene accolto con calore dalla sua variopinta compagnia di parenti: c’è la nonna ribelle, che ancora soffre per un impossibile amore di gioventù, una borghesissima mamma iperprotettiva, un autoritario padre-patriarca insoddisfatto per l’inadeguatezza dei suoi eredi, una zia troppo eccentrica per essere vera, una sorella che non intende isolarsi nel ruolo della casalinga e un fratello maggiore omosessuale non dichiarato (segreto ben noto a tutti in città) che sta per assumersi la responsabilità dell’impero di famiglia. Ritornato a casa, il buon Tommaso, che a Roma si è laureato in lettere – e non in economia e commercio, come tutti pensano –, ha un piano d’azione ben preciso: alla prima occasione in programma, nel bel mezzo di una cena in cui sarà suggellato l’accordo con i nuovi soci del padre, rivelerà a tutti la propria omosessualità, quindi sarà probabilmente cacciato di casa e sarà libero di tornarsene nella capitale, dal suo amato compagno, per tentare di fare lo scrittore. Purtroppo fa l’errore di parlarne ad Antonio, e il fratello lo precede con i risultati ampiamente superiori alle previsioni (al padre ha un attacco di cuore per la vergogna), tanto che Tommaso per riportare pace in famiglia si vede costretto a dedicare le sue attenzioni alla fabbrica, accompagnato nel compito dalla bella Alba, la problematica ma affascinante rampolla della ricca famiglia dei nuovi soci dei Cantone. In accordo al titolo Mine vaganti si svilupperà in un progressivo crescendo di rivelazioni, litigi e colpi di testa, finché un evento a sorpresa stempererà tutte le tensioni familiari sintetizzandole in un efficace finale metaforico, consolatorio, struggente. Ozpetek recupera le sue tematiche privilegiate (amore, cibo, omosessualità, famiglia, memoria), alcuni dei suoi stilemi registici (come le carrellate circolari dei protagonisti a tavola) e molti dei suoi attori più fidati in questa commedia intrigante e ricca di ritmo. Stavolta il regista turco sembra giocare più apertamente con l’omosessualità, senza preoccuparsi di sfiorare il politicamente scorretto – da segnalare in tal senso almeno l’esilarante scambio di convenevoli in un negozio – ma anzi divertendosi ad accarezzare l’ambiguità senza mai toccarla apertamente. Spiccano nell’ottimo cast il protagonista Riccardo Scamarcio, una strepitosa Ilaria Occhini ed una Carolina Crescentini sfuggente quanto efficace. Nella briosa colonna sonora figurano i brani 50mila, interpretato da Nina Zilli in duetto con Giuliano Palma e Sogno, un inedito che Patty Pravo ha composto appositamente per il film di Ozpetek. Da vedere.

Mine vaganti, regia di Ferzan Ozpetek, con Riccardo Scamarcio, Nicole Grimaudo, Alessandro Preziosi, Elena Sofia Ricci, Ennio Fantastichini, Carolina Crescentini, Ilaria Occhini; commedia; Italia; 2010; C.; dur. 110’

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner