partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Max Gazzè
Alchemaya
M.E. Giovanardi e il Sinfonico Honolulu
Maledetto colui che è solo
Viola
Sheepwolf
Lory Muratti
Scintilla
Simone Cristicchi
Album di famiglia
Francesco Guccini
L'ultima Thule
Franco Battiato
Apriti Sesamo
Morino Migrante & Combo Luminoso
Vox Creola
Eva
Duramadre
Nina Zilli
L’amore è femmina

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/08/2017 - 04:00

 

  home>musica > italiana

Scanner - musica
 


Bluebeaters
The Album
[King Size Records 2000]
Giuliano

 




                     di Paolo Boschi


Non capita spesso che un cantante sia così bravo da essere soprannominato "The King", ma è quel che accade nel caso di Giuliano Palma dei Casino Royale. E è raro che alcuni musicisti provenienti da bands diverse decidano di formare un gruppo, così, semplicemente per il piacere di divertirsi a suonare insieme: ma è quanto è avvenuto per i Bluebeaters, composti da elementi sparsi di Casino Royale, Africa Unite e Fratelli di Soledad. Nel loro caso il gioco iniziale è piaciuto anche ai tanti spettatori che hanno seguito le loro esibizioni nei club di mezza Italia, spesso animate da ardite covers di brani famosi, solitamente giamaicani, ma comunque riletti secondo l'ottica privilegiata dello ska e del reggae, generi appunto giamaicani. Sempre e comunque, anche nel caso di canzoni originariamente composte con un'intessitura melodica, rhythm'n'blues, pop o dance: nascono in questi casi gustosi esempi di contaminazioni, veri crossovers musicali, a volte anche migliori dei brani originali, buoni per una stagione ma troppo commerciali per entrare nella memoria. Poi Giuliano Palma & the Bluebeaters hanno deciso di incidere il loro album, intitolato appunto The Album (ma c'è da sperare non resti l'ultimo), nei momenti di riposo dai rispettivi gruppi di appartenenza, e si sono inventati un modo originale - almeno per l'Italia - di propagandare il loro lavoro: il sito Internet dei Bluebeaters, appunto, dove si possono scoprire le origini di questo strano progetto musicale, i protagonisti, le news del gruppo, si può trovare un po' di merchandising e, ovviamente, comprare il disco per riceverlo direttamente a casa per posta, magari dopo aver sentito le canzoni. I Bluebeaters si sono autoprodotti e si sono perfino creati la loro etichetta musicale, la King Size: dopo aver venduto via Internet la ragguardevole cifra di 12.000 copie circa, il disco dei Bluebeaters è stato ripubbicato con l'aggiunta di due inediti e sarà in vendita nei negozi. The Album è un gran bel disco, vivace, vissuto, piacevole. La nuova edizione dell'album presenta nel complesso diciotto brani, tutte covers rigorosamente rilette in chiave ska e rocksteady: ritmi morbidi ed avvolgenti a profusione, tra i quali aleggia la voce calda del "King". Si va da See you tonite di Simmons (dei Kiss), passando per World's fair dei mitici Skatalites e Coming in from the cold di Bob Marley. Tra le curiosità la Believe portata al successo da Cher, completamente stravolta (in senso buono), e la mielosa Wonderful life di Black (ricordate?) previo maquillage davvero riuscito, fino alla conclusiva Never never never, libera versione inglese di Grande grande grande di Mina. Le due covers inedite aggiunte nella tracklist della nuova edizione sono invece Che cosa c'è e Domani di Gino Paoli, reinterpretate dal gruppo insieme all'autore. Giuliano e i suoi Bluebeaters si sono divertiti davvero in questo viaggio in diciotto tappe sonore, e si sente.

Giuliano Palma & the Bluebeaters, The Album [King Size Records 2000]

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner