partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  29/05/2022 - 07:54

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Fuochi d'artificio
Regia di Leonardo Pieraccioni
Cast: Leonardo Pieraccioni, Vanessa Lorenzo, Massimo Ceccherini, Barbara Enrichi, Mandala Tayde, Claudia Gerini; commedia; Italia; 1997; C
Pieraccioni Scanner Special

 




                     di Paolo Boschi


Finalmente la felicità
Io & Marilyn
Una moglie bellissima
Ti amo in tutte le lingue del mondo
Il paradiso all'improvviso
Il principe e il pirata
Il pesce innamorato
Fuochi d'artificio
Il ciclone: il fenomeno Pieraccioni
Il ciclone


In Fuochi d’artificio Pieraccioni ci racconta le (dis)avventure amorose a lieto fine di Ottone, timido dogsitter fiorentino sui trent'anni, che passa (nell'ordine) attraverso l'affascinante e bellissima pseudoinnocente Luna, l'eterna ragazza che lo tradisce (è già sposata), la maliarda socia d'impresa Lorenza, per arrivare infine a Barbara, la tipica amica-confidente che lo ama da lontano, ovviamente non ricambiata. Tutto ciò solo per scoprire che la donna della sua vita era, guarda caso, proprio Demiù, l'inquilina acqua e sapone del piano di sopra che, oltre ad essere simpatica e carina, può contare anche sul naturale appeal di marca sudamericana. Nulla di nuovo insomma sembra brillare sotto il sole all'indomani del grande successo de Il ciclone: il fenomeno-Pieraccioni ci riprova presentando al suo (numerosissimo) pubblico in pratica la stessa storia, lo stesso amore, la stessa faciloneria toscana in quanto a battute e situazioni divertenti – di quelle che innescano il riso più a livello mimico-popolaresco che per la verve comica in esse presente –, le stesse attrici a pronta presa estetica, il solito ‘elettrizzante’ Ceccherini. Stavolta manca però l'addittivo della casualità che ne Il ciclone innescava in modo rocambolesco e molto funzionale tutta la vicenda. Non è granché originale neanche l'ottica di rilettura a posteriori: Ottone-Leonardo racconta la sua vicenda a bocce ferme, sulla classica spiaggia delle Maldive. E a chi? Ovviamente ad uno sfortunato psicanalista di passaggio. Nonostante fosse scontato praticamente in qualunque punto della pellicola – a proposito, anche in questo Pieraccioni si tiene sempre di poco sopra l'ora e mezzo – Fuochi d'artificio nella stagione 1997-98 è stato secondo in termini d'incassi soltanto al colossal Titanic, ed entrambi si sono piazzati davanti a La vita è bella, che per giustizia l'anno dopo vinse tre Academy Awards, riguadagnando nel successivo ritorno nelle sale il terreno perso in precedenza.

Fuochi d’artificio, regia di Leonardo Pieraccioni, con Leonardo Pieraccioni, Vanessa Lorenzo, Massimo Ceccherini, Barbara Enrichi, Mandala Tayde, Claudia Gerini; commedia; Italia; 1997; C.; dur. 1h e 34'

Voto 6 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner