partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Radiohead
Il 2017 per ripartire
Katy Perry
Prism (cd e tour)
David Bowie
The next day
Gotye
Making Mirrors
Rumer
Seasons of my soul
Caro Emerald
Deleted scenes from the cutting room floor
Eliza Doolittle
Eliza Doolittle
Diana Krall
Quiet nights
Paolo Nutini
Sunny Side Up
Joss Stone
Colour Me Free!

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/02/2020 - 20:31

 

  home>musica > rock_pop

Scanner - musica
 


Paul McCartney
Driving rain
[Emi 2001]

 




                     di Paolo Boschi


Flaming Pie
Run Devil Run
Driving Rain


The Beatles


Sir Paul McCartney non ha perso il vizio di stupire nonostante le molte primavere affastellate sulle sue spalle di ex Beatle: la sua ultima fatica discografica, Driving Rain, presenta sedici brani inediti che operano un’efficace sintesi della sua carriera tra i Fab Four, gli Wings ed il suo più recente periodo solista caratterizzato dalla collaborazione con Elvis Costello, al secolo Declan McManus. Rispetto alle due precedenti prove, Flaming Pie e la raccolta di covers rock Run devil run, Paul McCartney prosegue imperterrito nella sua ricerca della leggerezza e dell’essenzialità, con questo mosaico musicale che alterna rock, spruzzate di pop, malinconiche ballate ed una puntina di misticismo orientale (nella non esaltante Riding into Jaipur). Il tutto andando controcorrente rispetto all’attuale tendenza ipertecnologica che caratterizza il mercato discografico: d’altra parte lui non ha niente da dimostrare, è una tessera fondamentale della musica del Novecento, per cui può permettersi di cantare e comporre soltanto quando ha cose da dire e la voglia di farlo. La ricetta vincente di McCartney è peraltro la stessa da sempre: per sua stessa ammissione le buone canzoni, a prescindere dall’intensità musicale e dalla forza del testo, in buona sostanza per funzionare devono essere capaci di intrigare sia nella vasca da bagno che in automobile, ovvero intrattenere senza ridondanza, reggere alla prova degli ascolti ripetuti senza rivelarsi invasive. Nel complesso Driving Rain si profila come un piccolo gioiello di semplicità ed immediatezza, quasi sempre spontaneo ed efficace, di maniera solo qua e là, in particolare all’inizio dell’album: infatti né l’ombrosa apripista Lonely road né la successiva From a lover to a friend, ballata non troppo ispirata, aggiungono alcunché al McCartney-pensiero. Le cose cominciano a cambiare con She’s given up talking, brano più tagliente e d’atmosfera che prelude alla disincantata titletrack, vaporosa ma intrigante. Poi arriva la malinconia pianistica di I do, che è un condensato emotivamente coinvolgente delle numerose ballate composte dall’inossidabile Macca nella sua lunga carriera. E lo stesso identico schema si ripete poco dopo con la ritmata Tiny bubble, seguita dal leggero spleen di Magic. Restano da segnalare il country vagamente pensoso di Your way, la più tesa Spinning on an axis (scritta con il figlio James, come pure la deliziosa Back in the sunshine again), il rock ‘tirato’ di About you, la delicata Heather (dedicata al suo ultimo amore), una bella ballata come Your loving flame e Rinse the raindrops, lunghissima ed a variazioni multiple, il pezzo più sperimentale della scaletta, chiusa dalla bonus track Freedom, singolo benefico registrato il 20 ottobre 2001 insieme ad Eric Clapton in occasione del Concerto per New York organizzato dopo la strage dell’11 settembre. Un bel disco nel complesso, assolutamente da non perdere.

Paul McCartney, Driving rain [Emi 2001]

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner