partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Jesus Christ Superstar
Oltre gli stereotipi
La rivincita del Liscio
La grande festa del ballo e della musica folk
Led Zeppelin
Physical Graffiti
David Bowie
Addio Ziggy
Litfiba
Trilogia 1983-1989
Franz Ferdinand
Tonight: Franz Ferdinand
Sting
Symphonicities
Carla Bruni
Comme si de rien n’était
Firenze cambia musica
il grande evento musicale
La geriatrizzazione del rock
Giovani e vecchi. I rocker devono provocare

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  03/04/2020 - 03:18

 

  home>musica > cult

Scanner - musica
 


U2
The best of 1980-1990
[Island 1998]

 




                     di Paolo Boschi


The Joshua Tree
Dimmi chi erano gli U2
Pop
The best of 1980-1990
All that you can't leave behind
The best of 1990-2000


Il quartetto irlandese - composto da Bono, The Edge, Adam Clayton e Larry Mullen Jr. - è il gruppo che, in assoluto, ha più inciso nel mondo musicale negli ultimi vent'anni: alle soglie del Duemila è sembrato loro opportuno tracciare un primo bilancio della loro musica o, meglio, un album di 'fotografie sonore' del periodo relativo al primo decennio della loro carriera. Gli ingredienti sono quelli che hanno reso gli U2 una band di culto, sicuramente la più apprezzata a livello mondiale: un rock impregnato di epicità e portatore di messaggi importanti, come l'impegno umanitario e politico - non a caso il gruppo irlandese si è sempre segnalato per la partecipazione a iniziative benefiche come "Band Aid", "Live Aid", "Sun City" -, e con varie incursioni nella black music, nel country e nel folk. La scelta è caduta su tredici brani, molto rappresentativi del periodo, più un inedito ripescato da quegli anni come Sweetest thing. The best of 1980-1990 nel complesso si presenta come un'antologia molto accurata che estrapola canzoni a partire da Boy, l'album d'esordio del 1980, fino a Rattle and hum del 1988, passando per The Joshua Tree del 1987, il disco grazie al quale i quattro di Dublino esplosero in tutto il mondo, America compresa. Traccia dopo traccia in una prodigiosa carrellata di emozioni sonore si alternano brani memorabili, come Pride (in the name of love), New year's day, With or without you, I still haven't found what I'm looking for, l’epica Sunday bloody sunday, l’apoteosi chitarristica di Desire, la ritmatissima When love comes to town (con il mitico B.B. King) e Angel of Harlem, giusto per citarne alcuni. Come bonus a tiratura limitata per la prima edizione, all'antologia vera e propria è affiancato un secondo disco che presenta una preziosa selezione delle B-sides relative allo stesso periodo: B-sides, ma degli U2, dunque canzoni di livello notevole come Spanish eyes, Dancing barefoot, Silver and gold, Trash, trampoline and party girl, o covers da non perdere come Unchained melody interpretata da Bono. Un best of davvero all'altezza delle promesse.

U2, The best of 1980-1990 [Island 1998]

Voto 8½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner