partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
I’m with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light
The Charlatans
Who We Touch

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/10/2017 - 12:00

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


Coldplay
A rush of blood to the head
[Emi 2002]
Torna la malinconia targata Chris Martin & Co.

 




                     di Paolo Boschi


Viva la Vida or Death All His Friends, 2008
A rush of blood to the head
Coldplay, A rush of blood to the head, EMI Parlophone, 2002
Coldplay, Parachutes, EMI Parlophone, 2000


Nessuno poteva aspettarsi un esordio folgorante come Parachutes, che si è rivelato un disco sorprendente in primo luogo per la sua impronta musicale ben delineata, curiosamente matura a prescindere dalla giovanissima età complessiva del quartetto londinese. La qualità di simile debutto ha fatto sì che tutti si aspettassero un’opera seconda del livello che A rush of blood to the head, per fortuna dei molti estimatori dei Coldplay, ha felicemente mantenuto oltre ogni rosea aspettativa. Le undici tracce dell’album sono una felice conferma di un sound ricco di riferimenti e compiuto (paradossalmente) già fin dal suo primo sbocciare. I Coldplay si erano ritrovati sotto l’attenzione di un vasto pubblico con un singolo davvero azzeccato come Yellow, che racchiudeva in una sintetica quanto magica alchimia la formula vincente di questo giovanissimo gruppo inglese: malinconia, atmosfere rarefatte, una vena di lirico intimismo, qualcosa degli U2, sprazzi di Pink Floyd (e dunque richiami anche ai Radiohead), un sound a tratti essenziale, talora incredibilmente ‘pieno’, ma sempre di grande presa, perché Chris Martin & Co. sono abituati a circoscrivere emozioni, stati d’animo, idee, ovvero soggetti che, incanalati nell’impeccabile sinergia tra musica e parole dei Coldplay, finiscono per arrivare a segno, con semplicità ed efficacia. Il disco prende avvio con Politik in cui il quartetto accende le polveri con una canzone che si alterna tra distensioni ed improvvise accelerazioni. A ruota arriva una di quelle cose insostenibilmente liriche di cui forse solo i Coldplay sono ancora capaci: una gemma come In my place in cui, librandosi su un impianto organistico in crescendo, l’eterea voce di Chris Martin è capace di offrire emozioni a getto continuo. Nella traccia successiva il quartetto cambia ancora registro, ma sempre in ambito balladeer, con la notevole God put a smile upon your face, un brano che nella struttura richiama non poco l’apripista. A rush of blood to the head propone quindi la delicatissima The scientist, Clocks (d’atmosfera vagamente anni Ottanta), Daylight (aperta da un aria di memoria indiana, sviluppata in direzione avvolgente, quasi ipnotica), poi l’idillica e semplicissima Green eyes. Dall’adamantina Warning sign i Coldplay riprendono a mirare molto, molto in alto: dopo questa ballata segnata da una mirabile tramatura chitarristica la coda dell’album propone in rapida successione l’ombrosa A whisper, l’irresistibile accelerazione interna alla title track (che ricorda esplicitamente i migliori Pink Floyd) e le delicate sfumature pianistiche di Amsterdam, che poi si trasforma progressivamente in una ballata che Bono Vox e compagnia avranno sicuramente apprezzato. Nel complesso un album di livello assoluto. Il vero interrogativo è cosa sapranno fare ancora Chris Martin e soci: per adesso stanno navigando in mare aperto senza terra in vista, ma sembrano sapere esattamente dove andare e come arrivarci.

Coldplay, A rush of blood to the head [Emi 2002]

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner