partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/08/2019 - 00:59

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Elmore Leonard
Chili con Linda
Milano, Marco Tropea Editore, 2000; pp. 288
L’irresistibile ritorno di Chili Palmer

 




                     di Paolo Boschi


La scorciatoia
Chili con Linda
Tishomingo Blues
Killshot


L'arte del sequel solitamente è un sentiero irto di pericoli, sia sotto il profilo letterario che cinematografico, ma con un maestro del calibro di Elmore Leonard – a detta unanime della critica uno dei migliori autori di thriller a livello mondiale –, può anche capitare di imbattersi nella classica eccezione che conferma la regola. E’ quello che succede per l’appunto in Chili con Linda, l’ultimo romanzo di Leonard, nel quale lo scrittore americano riprende il personaggio di Ernest Palmer detto “Chili”, già strozzino in rapida ascesa nel dorato universo hollywoodiano nel precedente Get Shorty, traslato efficacemente sul grande schermo nell’omonimo film di Barry Sonnenfeld con John Travolta, Gene Hackman, René Russo e Danny DeVito. Leonard aveva lasciato Chili – appassionato cinefilo, nonché ex malavitoso di Brooklyn e recuperatore di crediti (leggi usura) a Miami – nell’assolata California, decisamente sulla cresta dell’onda, dato che la sua rincorsa ad un debitore insolvente, il lavandaio Leo, si era trasformata in una sceneggiatura in presa diretta, e lui alla fine era rientrato nel team di produzione di un film destinato al successo ispirato alla vicenda, Leo in fuga. Così si era interrotta la storia di Get Shorty (ora riedito da Est ne La scorciatoia): in Chili con Linda scopriamo che il film aveva effettivamente riscosso successo, ma non l’inevitabile sequel Fuga dalla realtà (ironia della sorte). Capita così che il buon Chili decida di cercare nuove idee nell’ambiente musicale e si rivolga a Tommy Athens, vecchio amico dei tempi di Brooklyn nonché proprietario di un’etichetta discografica il cui nome è tutto un programma: NTL come “Nothing To Lose”. Niente da perdere, anche se poi Athens la vita la perde per un attentato della mafia russa cui Chili scampa per caso, diventando un testimone a rischio. Il mondo della musica innesca in Chili una buona idea quando la sua strada incrocia quella di Linda Moon, una texana arrivata a Los Angeles per sfondare, riciclatasi come telefonista ed a tempo perso cantante in un gruppo femminile che scimmiotta le Spice Girls. L’interesse di Chili per Linda (e la storia a lei ispirata) innesca il desiderio di rivvalsa del suo manager, Raji, un tipo di colore poco raccomandabile che si fa accompagnare dalla sua gigantesca guardia del corpo, un samoano omosessuale che vuole fare l’attore. Chili si trova così a schivare la rappresaglia di Raji ed i tentativi della mafia russa di toglierlo di mezzo: il tutto mentre cerca di far arrivare al successo Linda Moon, che ha rimesso insieme gli Odessa, la sua vecchia rock band, e si appresta ad incidere un disco. Nel frattempo il protagonista sta anche vivendo una nuova storia d’amore, ovviamente non quella che ci si attenderebbe secondo copione. Leonard domina le tante sottotrame di Chili con Linda mentre la storia si avvia alla sua inevitabile conclusione, ovvero il grande schermo, perché è chiaro che Chili Palmer è intenzionato a riagguantare il successo con un nuovo film estrapolato dall’avventura che sta vivendo. L’autore di Fuori dal gioco e Cuba Libre firma il suo trentacinquesimo romanzo confermando la sua verve narrativa: Chili con Linda procede a ritmo incalzante con il succedersi delle pagine, risolve in modo mirabile l’intricatissima trama, propone personaggi credibili ed è sorretto da dosi massicce di humour metropolitano.

Elmore Leonard, Chili con Linda, Milano, Marco Tropea Editore, 2000; pp. 288

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner