partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  23/02/2020 - 02:25

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Millennium - Uomini che Odiano le Donne
Regia di David Fincher
Cast: Daniel Craig, Rooney Mara, Robin Wright, Stellan Skarsgård, Joel Kinnaman, Embeth Davidtz, Christopher Plummer, Joely Richardson, Goran Visnjic, Julian Sands; drammatico; U.S.A.; 2011; C.
La forza del remake...

 




                     di Paolo Boschi


Millennium - Uomini che odiano le donne
The Social Network
Il curioso caso di Benjamin Button
Panic Room
Seven


La fonte letteraria è il bestseller svedese per antonomasia, capace di vendere qualcosa come cinquanta milioni di copie in tutto il mondo e fornire spunto ad una trilogia cinematografica che ha già fatto scalpore. Come spesso capita, Hollywood ha subodorato che potrebbe trattarsi di un ottimo business e ha avviato la più classica delle operazioni remake, affidandola però al talentuoso David Fincher. Il risultato è visivamente magnifico: paradossalmente l'algida ambientazione svedese (così importante nei romanzi di Stieg Larsson) è stata capitalizzata in modo migliore dal regista americano che dai due cineasti europei che l'hanno preceduto. La storia è aderente alla fonte letteraria e anche i protagonisti convincono alla prova del nove: Daniel Craig appare più magnetico e disincantato nei panni del protagonista Mikael Blomkvist rispetto al suo predecessore Michael Nyqvist, e lo stesso si può dire di Rooney Mara, che per entrare nel tormentato personaggio di Lisbeth Salander (cui è più affine anagraficamente di Noomi Rapace, che l'ha preceduta nella parte) si è sottoposta alla rasatura delle sopracciglia e si è fatta applicare vari piercing. La storia è nota: dopo aver perso una causa per diffamazione che l'ha lasciato sul lastrico, il giornalista Mikael Blomkvist, direttore della rivista “Millennium”, si dimette dall’incarico e accetta di investigare su un caso di scomparsa vecchio di decenni che gli è stato proposto da Henrik Vanger, un anziano industriale, accettando di trasferirsi in un'algida isola nel nord della Svezia, nel bel mezzo del nulla, per svolgere le indagini sul posto. Il caso riguarda l'amata nipote del magnate, che ogni anno continua a ricevere un inquietante presente (teoricamente) dall'assassino. Con l'aiuto della geniale hacker Lisbeth Salander, dall'aspetto punk e dal passato tormentato, il protagonista riuscirà a rileggere gli indizi ritrovandolo il bandolo della contorta matassa. Ma non sarà facile: l'isola dove la nipote del suo ospite è scomparsa e dove lui si è trasferito per studiare il caso è purtroppo popolata dalla variopinta tribù dei Vanger, una famiglia divisa, ambigua e spesso aggressiva. La verità, al solito, arriverà sorprendentemente più amara e cruenta di quanto gli spettatori si attenderebbero. Tutto secondo copione: la trama è solida, la regia implacabile, emozionante ed efficace, il cast di ottimo livello, quindi non poteva che venirne fuori un avvincente e solido thriller a tinte forti. Da vedere.

Millennium - Uomini che Odiano le Donne (The Girl with the Dragon Tattoo), regia di David Fincher, con Daniel Craig, Rooney Mara, Robin Wright, Stellan Skarsgård, Joel Kinnaman, Embeth Davidtz, Christopher Plummer, Joely Richardson, Goran Visnjic, Julian Sands; drammatico; U.S.A.; 2011; C.; dur. 158'; VM 14

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner