partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Laurie Anderson
Heart of a Dog
C'è chi dice no
Regia di Giambattista Avellino
Draquila - L'Italia che trema
Regia di Sabina Guzzanti
Il piccolo Nicolas e i suoi genitori
Regia di Laurent Tirard
La classe - Entre les murs
Regia di Laurent Cantet
Io non sono qui
Regia di Todd Haynes
Sicko
Regia di Michael Moore
Una scomoda verità
Regia di Davis Guggenheim
La marcia dei pinguini
Regia di Luc Jacquet
Super size me
Regia di Morgan Spurlock

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/06/2017 - 17:26

 

  home>cinema > idee

Scanner - cinema
 


Io non sono qui
Regia di Todd Haynes
Cast: Christian Bale, Cate Blanchett, Marcus Carl Franklin, Richard Gere, Heat Ledger, Charlotte Gainsbourg, David Cross, Bruce Greenwood, Julianne Moore, Michelle Williams; drammatico; U.S.A.; 2006; C.

 




                     di Paolo Boschi


Velvet Goldmine
Lontano dal paradiso
Io non sono qui


Che Todd Haynes, regista dello splendido Lontano dal paradiso, fosse interessato al variegato universo del rock è evidente dai tempi di Velvet Goldmine. In Io non sono qui torna al genere con un’operazione davvero singolare: un film sulla vita e sulla musica di Bob Dylan raccontata per interposte persone, attraverso personaggi che narrano, ognuno a suo modo, un aspetto diverso del multiforme poeta e cantautore americano, che non pochi critici hanno celebrato come l’artista più significativo di tutto il Novecento. La prospettiva potrà anche sembrare curiosa, ma di fatto finora Io non sono qui è stata l’unica pellicola sulla biografia dylaniana ad aver ottenuto l’approvazione del menestrello originario di Duluth, Minnesota, che peraltro ha sempre custodito con riservatezza la propria vita privata. Todd Haynes non trascura gli aspetti macroscopici della vita di Bob Dylan, dagli esordi come cantante folk fino al grande successo, dalla svolta elettrica che lasciò spiazzati molti fans fino al drammatico incidente motociclistico che lo tenne lontano dalle scene per molto tempo, fino all’ultima parte della sua straordinaria carriera, che Haynes per certi versi prefigura mostrandoci un possibile Dylan appesantito dagli anni ed in fuga dal mondo. Le storie interne al film raccontano dunque il variegato personaggio da prospettive diverse e con stili diversi, in accordo al Leitmotiv esistenziale di volta in volta privilegiato: c’è un ragazzo di undici anni sempre in fuga; e c’è un attore affascinante sempre in viaggio; e una giovane rockstar dai tratti androgini; e una stella del folk in un momento di cambiamento; e un vecchio fuorilegge ancora in giro. Uno, nessuno e centomila Bob Dylan tutti mischiati insieme come i tanti pezzi di un indecifrabile puzzle biografico, tutti da scoprire o perlomeno da intuire. Un film da non perdere, ideale viatico per farsi contagiare dalla biografia di un cantante di culto o per riscoprirne l’opera prendendo spunto dalla strepitosa colonna sonora: le tante e straordinarie composizioni dylaniane costituiscono forse il fil rouge ideale nello sfuggente itinerario esistenziale raccontato in Io non sono qui, che intrigherà gli appassionati ma potrebbe rivelarsi arduo per i neofiti. Il consiglio è di provarci comunque.

Io non sono qui - I'm not there, regia di Todd Haynes, con Christian Bale, Cate Blanchett, Marcus Carl Franklin, Richard Gere, Heat Ledger, Charlotte Gainsbourg, David Cross, Bruce Greenwood, Julianne Moore, Michelle Williams; drammatico; U.S.A.; 2006; C.; dur. 2h e 15’

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner