partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Daniele Luttazzi
Sesso con Luttazzi 2008
Reggiani e Germani
Dalla tv al teatro: Né capi...Né code
Emanuela Aureli
A viso aperto
Sabina Guzzanti
Reperto Raiot
Giampiero Mughini
Una breve biografia
La bella Sabrina
L'evoluzione della Ferilli
I Virtuosi di San Martino
Bravi anche a Superconvenscion 2002
fenomenologia di Fabio fazio
Festival di sanremo 1999
Le avventure del primo pollo perso nella rete
Andrea Zingoni
Nomadi
Beppe Carletti ad Antennacinema 2001

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/10/2017 - 07:00

 

  home>tv > personaggi

Scanner - tv
 


Daniele Luttazzi
Sesso con Luttazzi 2008
Dopo la cacciata da La7, il monologo-cult torna in teatro in edizione aggiornata
Giovedì 24 gennaio 2008 al Teatro della Regina di Cattolica

 




                     di Giovanni Ballerini


Daniele Luttazzi: Satyricon
Daniele Luttazzi: il libro Sesso con Luttazzi
Daniele Luttazzi: il libro Benvenuti in Italia
Daniele Luttazzi: Barracuda 2007
Daniele Luttazzi: Sesso con Luttazzi in teatro 2008


"Essere osceni è il mestiere del comico. Inoltre il corpo e la sua oscenità si impongono con evidenza se sei uno spirito sensibile. Pensa a Mozart e alle lettere licenziose che intratteneva con la cugina".

Daniele Luttazzi sui temi del sesso non conosce mezze misure e, sospeso (suo malgrado) da La 7, abbandona ancora una volta dai palinsesti televisivi e torna in teatro a parlare a suo modo (con dissacrante ironia) di questi temi occupano la nostra vita e le relazioni che abbiamo con il prossimo: “Il campo da dissodare è vastissimo e il mio unico cruccio è che non basti il tempo di una vita per farlo. Ho una missione da compiere”.

Da Aristofane in poi i grandi argomenti della satira sono quattro: politica, religione, sesso, morte. Non se ne esce. Lo sa benissimo anche Luttazzi, che da sempre lancia i suoi strali satirici proprio in quelle direzioni. Soprattutto in quella del sesso, a cui anni fa ha dedicato anche uno dei suoi libri più riusciti. Quello che vedremo in teatro è una versione riveduta e corretta di quel testo, che per altro viene aggiornato dall’autore ogni 5 anni.

“Le generazioni cambiano – spiega Luttazzi -. Ragazzi che cinque anni fa erano minorenni adesso ne hanno diciotto e finalmente possono godersi questo monologo pedagogico, propedeutico e liberatorio. Lo spettacolo ha una struttura catechistica a domande e risposte. Si ride per due ore, a volte con imbarazzo, a volte senza sapere perchè. L’effetto cumulativo e' devastante”.
Lo dimostra questo spettacolo che si propone di aggiornarvi su tutto quello che non avreste mai voluto sapere sul sesso ma i vostri genitori hanno voluto dirvi a tutti i costi: una guida completa agli aspetti più interessanti della sessualità moderna. Con uno stile disinibito fatto apposta per turbare i benpensanti, Luttazzi dà risposte qualsiasi alle domande vere sull’argomento sesso che ciascuno di noi si è posto almeno una volta nella vita. Incesto! Sodomia! Eiaculazione precoce! Alessia Marcuzzi!
Il monologo-cult di Luttazzi esplora tutto questo e altro ancora, in un tour de force libidico attraverso le repressioni della morale e dell’immaginario. Un monologo stimolante per lui, ritardante per lei! Mi interessa in che modo il sesso altera i rapporti interpersonali, come cambia le relazioni umane. Ne parlava Michel Foucault quaranta anni fa tiene a sottolineare Luttazzi -. Il potere religioso e quello economico usano il sesso per controllare l’individuo. Siamo dominati da pulsioni di cui non ci rendiamo conto e che controlliamo in minima parte. Invece, il potere economico, con la pubblicità, e le chiese, con i divieti morali, le usano: dominando il tuo desiderio, dominano te. Inoltre, il sesso sbandierato diventa un narcotico, che favorisce lo status quo. Non bisogna però confondere questo aspetto con quello legato alla tradizione comica: la risata è legata alla liberazione del corpo. Di qui gli spettacoli di varietà, coi comici accanto alle soubrette. Le ipocrisie di oggi sono diverse da quelle degli anni ’60 o ’70. Non avrebbe senso rifare Le tentazione del dottor Antonio o Myra Breckinridge.  Ma i reazionari ci sono sempre. Fai sesso e hai orgasmi: questo non può restare impunito! Personalmente sono a favore di ogni perversione sessuale che i toscani sappiano inventarsi e che i veneti riescano a rendere disgustosa”.
Daniele Luttazzi (il cui vero cognome è Fabbri) è nato a Santarcangelo di Romagna nel 1961. Dal 1988 è autore e interprete di monologhi satirici di successo, di programmi radiofonici e di varietà tv (Magazine 3, Mai dire gol, Barracuda, Satyricon). Ha scritto 16 bestseller (101 cose da evitare a un funerale; Adenoidi; Sesso con Luttazzi; Va’ dove ti porta il clito; Teatro; C.r.a.m.p.o.; Tabloid; Cosmico!; Barracuda; Satyricon; Benvenuti in Italia; Capolavori; La castrazione e altri metodi infallibili per prevenire l’acne, Bollito misto con mostarda; I giardini dell’epistassi; Lepidezze postribolari ovvero Populorum progressio) e l’introduzione all’autobiografia di Lenny Bruce. Ha tradotto per Bompiani i tre classici di Woody Allen  (Rivincite, Senza piume, Effetti collaterali). A febbraio è uscito il suo secondo album di canzoni, School is boring. Il suo sito web ( www.danieleluttazzi.it ) ha più di 100.000 contatti a settimana.

Voto 7 ½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner