partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Daniele Luttazzi
Sesso con Luttazzi 2008
Reggiani e Germani
Dalla tv al teatro: Né capi...Né code
Emanuela Aureli
A viso aperto
Sabina Guzzanti
Reperto Raiot
Giampiero Mughini
Una breve biografia
La bella Sabrina
L'evoluzione della Ferilli
I Virtuosi di San Martino
Bravi anche a Superconvenscion 2002
fenomenologia di Fabio fazio
Festival di sanremo 1999
Le avventure del primo pollo perso nella rete
Andrea Zingoni
Nomadi
Beppe Carletti ad Antennacinema 2001

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/09/2019 - 14:56

 

  home>tv > personaggi

Scanner - tv
 


Nomadi
Beppe Carletti ad Antennacinema 2001
Il leader dei Nomadi racconta l'esperienza di un gruppo che non si fa usare dai media
La prevalenza della musica

 




                     di Alessandro Sannini


Antennacinema 2001, il bilancio
I Nomadi ad Antennacinema 2001
Elisa ad Antennacinema 2001


Il ricco programma di Antennacinema ha offerto, fra l'altro, l'incontro con Beppe Carletti, tastierista, fondatore e mente organizzativa dei Nomadi. La discussione, condotta da Roberto Bianchin, è stata un modo per ripercorrere non solo la storia della band ma anche del modo di vivere e di intendere l'espressione musicale ed i fenomeni ad essa connessi, anche con l'intervento di Filippo Broglia di Radio Italia Solo Musica Italiana.
Perché i Nomadi, nonostante la lunga carriera e 15 dischi di platino, 5 dischi d'oro, 150 concerti l'anno con una media di 500.000 presenze, continuano ad intendere la musica non solo come mestiere. La vocazione del gruppo (oggi formato da Beppe, Daniele, Cico, Danilo, Massimo, Sergio) è sempre stata e rimane quella di cercare il contatto diretto con il pubblico, lontani dallo show business e dai grandi eventi mediatici. Forse è questo il "segreto" del successo e della loro longevità, così come ha tenuto a rilevare lo stesso Carletti: è il rapporto affettivo con il pubblico che continua a far diventare ogni loro concerto una manifestazione di affetto e di entusiasmo. Anche se la televisione li ospita poco o quasi mai, anche se non "lanciano" i loro dischi con campagne pubblicitarie battenti. Persino quando i loro dischi non vendono, perché la filosofia del gruppo è quella legata al concerto, al contatto diretto e non a quello mediatico, al rifiuto del playback e di tutti gli artifici che snaturano la loro musica.
Nel corso dell'incontro Eugenio Bollani, regista del loro ultimo video "Liberi di volare", ha illustrato le dinamiche di realizzazione dello stesso. Interessante è stato il raffronto con il primo videoclip che i Nomadi, allora con la presenza dei compianti Augusto Daolio e Dante Pegreffi (scomparsi nel 1992), realizzarono dieci anni fa, per la canzone "Aironi neri". Ne è risultato che, anche un gruppo così poco vocato alla comunicazione televisiva, risente dei "tagli" e delle esigenze dei media: anche i Nomadi, con il loro vivere al di fuori della comunicazione si adeguano ai tempi ed adottano effetti e tempi che la televisione può "tollerare". "Fare canzoni, oggi - commenta Carletti - "vuol dire anche tenere presente che la lunghezza, il ritmo, il linguaggio devono essere divulgabili da radio e televisioni" e questo pone seri limiti anche alla creatività di una delle voci più spontanee e dirette del panorama musicale italiano.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner