partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Virginiana Miller
The Unreal McCoy
Spain
Sargent Place
David Byrne & St. Vincent
Love This Giant
Joan As Police Woman
The Deep Field
Bob Dylan
Tempest
Robert Plant & Alison Krauss
Raising Sand
Bruce Springsteen
Wrecking Ball
Norah Jones
Little Broken Heart
Adele
21
Raphael Saadiq
Stone Rollin’

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  29/11/2022 - 09:58

 

  home>musica > americana

Scanner - musica
 


Macy Gray
The Id
[Epic 2001]
La conferma dell'atipica stella del New Soul

 




                     di Paolo Boschi


On how life is
The Id
The trouble with being myself


Dopo On how life is, uno dei debutti più spiazzanti dell'ultimo decennio, da Macy Gray c'era da attendersi una tappa interlocutoria, un ritorno sull'onda felice del 1999, insomma, anche perché chi l'ha scoperta allora è sicuro che se la ricorda ancora. The Id non è niente di tutto questo: album a trecentosessanta gradi, addirittura legato da una concezione di fondo neanche troppo immediatamente accessibile (Id è termine di freudiana memoria), la musica è la stessa straordinaria miscela di Rhythm’n’Blues, soul e funk che ha fatto la fortuna di Macy all'esordio. E' sempre la stessa – e sempre meravigliosamente atipica – pure la sua straordinaria ugola, da freak confessa verrebbe da aggiungere stando ad un titolo della tracklist. La Gray d'altra parte è un’artista a parte rispetto ai normali prodotti del mercato: la cantante texana è dinoccolata, ha una bellezza stonata, sembra fuori posto in ogni luogo immaginabile, ha una voce che non si sa bene da dove provenga (ma per fortuna è calata in un essere umano) ed ha perfino il buon gusto di dirci fuori dai denti che entrare nello shobiz a lei la vita l’ha davvero cambiata: non deve più preoccuparsi dei soldi, adesso. The Id rispetto a On how life is non perde in energia, apre la Gray a nuove collaborazioni – tra le altre con le colleghe Erykah Badu (in Sweet baby) ed Angie Stone (in My nutmeg phantasy) –, acquista in complessità sonora, è più spettacolare, patinato ed intrigante, a scapito però del feeling e dell’armonia formale dell’esordio. Detto ciò, c’è da augurarsi di sentirne parecchi di album di questo livello complessivo: lungo le quattordici tracce della scaletta Macy Gray di colpi ne perde davvero pochi. L’attacco del disco lascia intravedere con le prime tre tracce tre facce diverse del talento dell’artista americana: il funk contagioso di Relating to a psychopath, il caldo R’n’B di Boo, la dicotomia tra l’insostenibile soul dilatato di Sexual Revolution ed il progressivo innesto disco-funk. La gemma di The id è senza dubbio alcuno anche il pezzo più prevedibile, ovvero la morbida ballad Sweet baby in coppia con la Badu, singolo di lancio dell’album. Da segnalare anche il ritmo funkeggiante (quanto svogliatamente atipico) di Harry e della notevole Give me all our lovin’ or I will kill you, l’avvolgente e malinconica Freak like me, ed infine la strana contaminazione hip hop di Shed. Un bel disco.

Macy Gray, The Id [Epic 2001]

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner