partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Spain
Sargent Place
David Byrne & St. Vincent
Love This Giant
Joan As Police Woman
The Deep Field
Bob Dylan
Tempest
Robert Plant & Alison Krauss
Raising Sand
Bruce Springsteen
Wrecking Ball
Norah Jones
Little Broken Heart
Adele
21
Raphael Saadiq
Stone Rollin’
Michael Bublé
Crazy Love

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2017 - 12:37

 

  home>musica > americana

Scanner - musica
 


Spain
Sargent Place
La band di Josh Haden torna a tessere (anche in tour) il miglior slowcore a stelle e strisce
Glitterhouse, 2014

 




                     di Giovanni Ballerini


C’è chi, soprattutto fra i giovani, ama essere scrollato e farsi riempire di adrenalina dal punk metal o comunque da un sound robusto, senza compromessi e chi invece preferisce farsi accarezzare da un vellutato pop rock, che si esalta nelle sfumature. Questi ultimi non possono che essere fan degli Spain, la band di Los Angeles che domenica 15 febbraio alle 21,15 è sul palco della Sala Vanni di piazza del Carmine (ingresso 15 euro), lunedì 16 all’Una e trentacinque circa di Cantù, martedì 17 febbraio al Bronson di Ravenna e mercoledì 18 febbraio 2015 è sulla ribalta del Folkclub di Torino. L’atteso tour presenta al pubblico italiano la band preferita dal regista Wim Wenders (che li ha voluti nella colonna sonora del film “End of violence”) e dal chitarrista Pat Metheny. Una formazione che si esalta quando affronta ballate notturne, quando si immerge nei chiaroscuri di un territorio sonoro che si galvanizza proprio all’incrocio fra mondi sonori diversi, come folk, jazz, country e blues.
La band cult è guidata dal bassista, vocalist e figlio d’arte Josh Haden (suo padre era il grande contrabbassista Charlie Haden, compagno di avventure musicali di Ornette Coleman e Keith Jarrett, nonché leader della Liberation Music Orchestra, con cui ha sublimato l’improvvisazione e ha prefigurato i presupposti del jazz moderno). Buon sangue non mente, visto che i morbidi approdi cantautorali di Josh non impallidiscono rispetto alle sperimentazioni di cotanto padre. Il territorio musicale è certamente diverso, ma il rarefatto slowcore, versione terzo millennio, degli Spain è sicuramente una perla rara, anche nel panorama variegato dell’alt rock statunitense. La band, che in sedici anni di attività, non si è certo distinta per la sua prolificità discografica (anche perché nel 2003 gli Spain si sciolsero, per poi risorgere dieci anni dopo) presenta in questo tour i nuovi brani dell’azzeccato cd che sancisce il ritorno della band alle scene, Sargent Place (uscito nel 2014 per Glitterhouse) e i suoi successi. Un excursus raffinato attraverso una musica discreta, quanto insinuante, in cui il cool jazz incontra (e si innamora del) blues, di un rock folk rallentato (non a caso gli Spain sono i capofila e gruppo di riferimento del movimento slowcore a stelle e strisce), sussurrato, ma proprio per questo originale e da brividi. Una musica in cui viene curato ogni dettaglio, ogni sfaccettatura, ma che alla fine fluisce elegante, senza nessun compromesso con un’elite fine a se stessa o un’algidità di maniera

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner