partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Spain
Sargent Place
David Byrne & St. Vincent
Love This Giant
Joan As Police Woman
The Deep Field
Bob Dylan
Tempest
Robert Plant & Alison Krauss
Raising Sand
Bruce Springsteen
Wrecking Ball
Norah Jones
Little Broken Heart
Adele
21
Raphael Saadiq
Stone Rollin’
Michael Bublé
Crazy Love

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2017 - 21:51

 

  home>musica > americana

Scanner - musica
 


Robert Plant & Alison Krauss
Raising Sand
La voce storica dell’hard rock con la principessa del bluegrass
[Rounder 2008]

 




                     di Paolo Boschi


Led Zeppelin - 40 Anniversario Physical Graffiti, 2015
Led Zeppelin - Celebration Day, 2012
Led Zeppelin - Mothership, 2007
Robert Plant & Alison Krauss - Raising Sand, 2008
Led Zeppelin - Early days, 1999


In occasione della pubblicazione di Celebration Day, che dal 20 novembre 2012 storicizza su etichetta Swan Song/Atlantic il mitico concerto della reunion del 2007 dei Led Zeppelin alla 02 Arena di Londra. Facciamo un passo indietro alla ricerca di un altro album, questa volta realizzato in studio, da un altro nume tutelare di riferimento dell’hard rock, nonché voce storica e fondatore del gruppo inglese.
Robert Plant da Bromwich, classe 1948, che qualche anno fa ha realizzato un album davvero interessante con Alison Krauss<, l’affermata principessa del bluegrass, genere che ha contribuito a rilanciare negli States e che le ha meritato qualcosa come venti premi Grammy. Con la galeotta produzione del grande T-Bone Burnett, il dotto assemblatore delle colonne sonore di O brother where art thou? e Walk the line, Robert Plant e Alison Krauss si sono ritrovati insieme in sala d’incisione davanti ad un microfono con una tracklist di tredici delizie musicali da interpretare con sommo equilibrio, ovvero senza sovrapporsi né ricercare il duetto sensazionale a tutti i costi. Ne è venuto fuori un disco capace di saltare nel tempo e nello spazio da un luogo all’altro, da New Orleans fino ai Monti Appalachi, dai profondi anni Cinquanta fino all’altro ieri – nella scaletta c’è perfino Please read the letter, un pezzo ripreso da Walking into Clarksdale, che Plant realizzò nel 1998 con Jimmy Page, il compare del Dirigibile, oppure Sister Rosetta goes before us, un brano fuori dal tempo composto da Sam Phillips, l’ex signora Burnett. Il viaggio prende avvio con le sonorità ipnotiche e blueseggianti di Rich Woman e si conclude con l’essenzialità georgica di Your long journey. In mezzo i due strani compagni di viaggio ci propinano varie meraviglie: la dolcissima Killing the blues, una canzone in punta di piedi – semplicemente insostenibile – come Polly come home, uno scatenato rockabilly come Gone, gone, gone, l’ombrosa Through the morning, through the night, l’epica e spettrale Trampled rose, la sincopatissima Fortune Teller, la struggente Stick with me baby, l’avvolgente Nothin ed infine l’esplosione bluesgrass di Let your loss be your lesson. Questo Raising Sand è l’album celebrativo di uno di quegli incontri irripetibili che non ti immagineresti mai, e che dunque sarebbe assolutamente inaccettabile perdersi. Assolutamente da provare e consigliare…

Robert Plant & Alison Krauss, Raising Sand [Rounder 2008]

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner