partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Spain
Sargent Place
David Byrne & St. Vincent
Love This Giant
Joan As Police Woman
The Deep Field
Bob Dylan
Tempest
Robert Plant & Alison Krauss
Raising Sand
Bruce Springsteen
Wrecking Ball
Norah Jones
Little Broken Heart
Adele
21
Raphael Saadiq
Stone Rollin’
Michael Bublé
Crazy Love

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/12/2017 - 16:03

 

  home>musica > americana

Scanner - musica
 


Norah Jones
Little Broken Heart
Un pop raffinato, d'atmosfera e aperto a divagazioni elettroniche
[Blue Note 2012]

 




                     di Paolo Boschi


Ormai giunta al decimo anno di carriera, con sole trentatré primavere sulle sue esili spalle, Miss Jones deve aver definitivamente realizzato che l'incredibile exploit del suo esordio del 2002 con Come Away With Me (bestseller da venticinque milioni di copie) resterà irripetibile. Quel che è incoraggiante è che non sembri farsene un problema e continui tranquillamente a sperimentare ad ogni nuova uscita discografica, oltre che a seguire progetti paralleli come quello dei Little Willies. Con Little Broken Heart Norah Jones ha deciso di affidarsi a Brian Burton alias Danger Mouse, che le ha cucito addosso un pop raffinato, d'atmosfera e aperto a divagazioni elettroniche, svincolando la giovane cantautrice newyorchese dall'orientamento marcatamente jazzato della sua prima produzione. Ne è venuto fuori un disco di dodici canzoni che parlano di cadute e di rinascite, di amori e di tradimenti, canzoni che dal punto di vista musicale sono costruite sugli arpeggi incrociati di due chitarre, giocate su sonorità eleganti e vagamente retro. Le note più liete sono le interpretazioni dell'artista americana, impeccabili e morbidamente sensuali. Il disco non è un capolavoro ma le canzoni si lasciano tutte gradevolmente ascoltare, alcune gradevolmente improntate ad un gioco di rimandi cinematografici, come la title track, 4 Broken Hearts e All A Dream, che sembrano uscite da una strana terra di mezzo tra un film di Tarantino e una pellicola di spionaggio. Tra i brani più significativi di questa nuova accattivante versione di Norah Jones sono degni di menzione sicuramente la ritmata Say Goodbye, il singolo Happy Pils (dove ricorda non poco lo stile sofisticato di Shirley Manson dei Garbage) e la folkeggiante Out On The Road: tre canzoni ovattate, godibili e leggere come un fiocco di neve. Assolutamente da segnalare per la leggerezza anche Miriam, soave sul fronte musicale e un po' più inquietante su quello narrativo, ma si tratta di un gioco a partire dalla copertina, dove Norah Jones appare truccata come una delle eroine di Russ Meyer. Provate per sorprendervi, insomma: ne vale la pena.

Norah Jones, Little Broken Heart [Blue Note 2012]

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner