partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Robin Williams
i mille volti del talento
Titti Giuliani Foti
Cara mamma
Adriana Pannitteri
Madri Assassine
Federico Moccia
Tre metri sopra il cielo
Isabel Allende
Il mio paese inventato
Frank W. Abagnale
Prendimi ...se puoi!
Sebastiano Vassalli
Dux
I libri di Giampiero Mughini
Un percorso umano, intellettuale e culturale
Zoya, la mia storia
Zoya con John Follain e Rita Cristofari
S. Lodato - A. Camilleri
La linea della palma

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/06/2019 - 06:03

 

  home>libri > personaggi

Scanner - libri
 


Ivano Fossati
Carte da decifrare
Torino, Einaudi, 2001; pp. 111
In allegato al volume l'esclusivo Cd Concerto in versi

 




                     di Paolo Boschi


Carte da decifrare
La disciplina della terra
Fossati dal vivo
Lampo viaggiatore
Musica moderna


Carte di complessa decifrazione quelle di Ivano Fossati, classe 1951, per una delle parabole artistiche più variegate ed intriganti della canzone d’autore italiana. Il volume è nato con la partecipazione silenziosa del conterraneo Pietro Cheli, collaboratore di “Diario”, il quale, anziché intervistare Fossati, ha invece raccolto ed organizzato i pensieri in libertà dell’artista genovese. Il risultato è appunto Carte da decifrare, un libro in cui Fossati finisce per confessarsi per difetto, divagando tra ricordi di viaggio, riflessioni sul mondo della discografia, estemporanee valutazioni della sua carriera di scrittore di parole in musica, di interprete caratterizzato da uno “strano” modo di cantare, di produttore all’occorrenza magari incapace di accorgersi del talento di Eros Ramazzotti (ma in grado di raccontarlo senza imbarazzo alcuno.) L’amore infinito per il pianoforte, una notte newyorchese con la tromba di Chet Baker in camera d’albergo, la tentennante rimembranza del primo successo progressive con i Delirium (Jesahel), l’amore per il jazz di Duke Ellington, La mia banda suona il rock che paradossalmente si rivela un ostacolo al futuro sviluppo artistico, la concezione artigianale della musica (trafficare dietro un’idea), la venerazione per Glenn Gould e Keith Jarreth, i miti letterari tra Pavese e Saramago, il vento che diventa canzone, la passione per il flauto, l’indimenticabile collaborazione con Fabrizio De André, canzoni ed album tra Pensiero stupendo e La pianta del tè fino a Macramè e La disciplina della terra, le emozioni del pubblico, il valore di una vita a misura d’uomo: un ritratto a trecentosessanta gradi di un artista che “cerca di correre il meno possibile, tenendo una bassa velocità per non perdersi nulla del paesaggio”. Non mancano le attestazioni di stima per i colleghi cantautori (De André, ovviamente, De Gregori e Conte), mentre per quanto concerne la musica nell’era delle multinazionali discografiche, Fossati rileva il primato del rock anglosassone ma si limita ad isolare come esempi da seguire soltanto Jimi Hendrix, i Cream, Peter Gabriel, i Police ed i R.E.M. Uno zibaldone asistematico di pensieri, memorie, riflessioni e segreti artigianali che si completa con l’esclusivo Cd Concerto in versi, uno spettacolo sperimentale ideato da Fossati con l’attrice Elisabetta Pozzi in cui brani celebri del cantautore ligure si miscelano con la poesia di Shakespeare, Primo Levi, Edoardo Sanguineti ed altri. Ed è in questi termini che il più appartato dei cantautori italiani rivendica la propria arte: “Rimango più o meno ai margini delle classifiche di vendita perché non pratico la pedofilia musicale, non corro dietro ai gusti dei ragazzini, non indosso orecchini né cappellini, non uso espedienti... Gli adolescenti sono i maggiori consumatori di musica. Ma si può ragionare sempre e solo in termini di consumo e poi pretendere di essere considerati artisti? Credo proprio di no. Così rivolgo la mia musica a chi ha voglia, pazienza e sensibilità, tempo e intelligenza da dedicarmi come un regalo. Si parla nella stessa lingua ai bambini e ai vecchi, poi, con un po’ di capacità e fortuna, anche ai distratti di mezzo”.

Ivano Fossati, Carte da decifrare, a c. di P. Cheli, Torino, Einaudi, 2001; pp. 111

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner