partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti
Suspiria
Di Dario Argento
Veloce come il vento
Regia di Matteo Rovere

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/08/2019 - 01:27

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


L'ultimo bacio
Regia di Gabriele Muccino
Cast: Stefano Accorsi, Giovanna Mezzogiorno, Stefania Sandrelli, Claudio Santamaria, Giorgio Pasotti, Martina Stella; commedia; Italia; 2000; C
La storia di tutte le storie d'amore: la conferma del limpido talento registico di Gabriele Muccino

 




                     di Paolo Boschi


Ecco fatto
Come te nessuno mai
L'ultimo bacio
Ricordati di me - Presentazione
Ricordati di me - Recensione
Ricordati di me - Colonna sonora
La ricerca della felicità
Sette anime
Baciami ancora


La locandina de L'ultimo bacio, terzo lungometraggio firmato dal giovane regista romano Gabriele Muccino (e terza commedia), promette "La storia di tutte le storie d'amore": arrivati ai titoli di coda gli spettatori si accorgeranno che l'impegno è stato mantenuto in pieno, e non tanto perché la storia centrale nell'ambito del multiforme plot può dirsi eccezionale, unica o mai vista prima, quanto perché, invece, l'obiettivo del regista ci avrà portato in modo sapiente e calibrato ad attraversare le più diverse tipologie amorose spostandosi ad arte a cogliere i complessi turbamenti ed i desideri sentimentali latenti dei protagonisti. Perché dentro L'ultimo bacio, soprattutto relativamente alle storie d'amore della generazione di (quasi) adulti d'inizio millennio, i trentenni di oggi insomma, troviamo in rapida rassegna praticamente tutte le categorie, davvero tutte: la coppia fresca di nozze e d'illusioni, la coppia già sposata con figlio (e disillusa), la coppia in attesa del primo erede, il ragazzo lasciato male dall'amata (insensibile ma non troppo), il donnaiolo impenitente che cambia ragazza ogni sera, la ragazzina al primo vero amore. Tutto qui? Ma la vita non è solo gioventù problematica o naïve, ed infatti Muccino, in veste di autore e sceneggiatore, ha aggiunto a contrappeso anche una coppia ultracinquantenne in crisi d'identità e senza dialogo, lo spettro della morte incombente di un genitore, e infine un punto di fuga mobile verso il quale parte del cast è irresistibilmente attratto come palliativo ( o cura, chi può saperlo?) dalla rigida griglia di monotonia che pare ingabbiare i rapporti affettivi a qualunque livello. L'incastro delle variopinte storie de L'ultimo bacio è intrigante e versatile sotto il profilo dei registri: dal comico al melodrammatico, dal drammatico al sentimentale, sempre affrontati con certosina precisione d'intassellamento nella storia. Il film, chiosato dalla voce fuori campo del protagonista, si apre sull'annuncio di Carlo e Giulia ai rispettivi genitori riuniti a cena: la ragazza è incinta di tre mesi, si festeggia e ci si accorge del tempo che passa inesorabile per tutti, per chi è in procinto di diventare nonno, e soprattutto per il futuro padre, che intravede ciò che lo aspetta senza ancora rendersene conto. Poi si passa alle classiche scene di matrimonio ridente di un amico del trasognato Carlo, che al pranzo nuziale conosce e resta rapito da una splendida diciottenne. Ormai distante dalla maternità della moglie e dall'incipiente ruolo 'maturo' che presto dovrà assumere secondo copione, il giovane protagonista comincia a sognare ad occhi aperti la luminosa ragazzina come un'alternativa possibile o un inconsapevole via di fuga. Intanto le cose non vanno al meglio anche per il resto del gruppo, tranne il convinto neo-sposo: uno è stato lasciato di brutto dalla ragazza e si tormenta, vuole lasciare l'odiata attività di famiglia e viaggiare ad libitum coinvolgendo anche l'amico impenitente donnaiolo che rischia di trovarsi a quarant'anni senza una compagna al suo fianco, come pure l'amico sposato con figlio ma ormai in rotta dichiarata con la moglie. Mentre il tradimento di Carlo s'innesca in modo quasi automatico, la madre di Giulia, che da anni non riesce a comunicare con il marito, si costringe a lasciarlo per concedersi un'altra possibilità. Dopo l'inevitabile esplosione drammatica - interpretata con rara intensità da Giovanna Mezzogiorno e da Stefano Accorsi, due tra gli attori più bravi dell'ultima generazione -, culmine emotivo di un film felicemente corale, le varie storie si sciolgono nelle uniche possibilità consentite oggi: il coraggio della normalità, il rientro nei ranghi o la fuga vera e propria. Cameos per Sergio Castellitto e Carmen Consoli, fiamma di turno dello sciupafemmine del gruppo nonché intensa interprete del notevole brano sui titoli di coda, intitolato L'ultimo bacio. Un grande film, che conferma il limpido talento di Gabriele Muccino. .

L'ULTIMO BACIO, regia di Gabriele Muccino, con Stefano Accorsi, Giovanna Mezzogiorno, Stefania Sandrelli, Claudio Santamaria, Giorgio Pasotti, Martina Stella; commedia; Italia; 2000; C.; dur. 1h e 55'

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner