partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Visages, Villages
Di Agnès Varda e JR
Toscana a Cannes
Con Le Meraviglie
Ip Man - The Final Fight
Alle radici del kung fu
Django Unchained
L'ultimo Tarantino è spaghetti western
Il risveglio del fiume segreto
Il viaggio sul Po di Paolo Rumiz
Harry Potter: la fine della saga
Regia di David Yates
The Social Network
Regia di David Fincher
Robin Hood
Regia di Ridley Scott
Blade Runner: the final cut
Regia di Ridley Scott
StarWars Episode III - La vendetta dei Sith
Regia di George Lucas

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  10/07/2020 - 04:07

 

  home>cinema > anteprime

Scanner - cinema
 


Kill Bill - Vol. 2
Regia di Quentin Tarantino
Cast: Uma Thurman, David Carradine, Daryl Hannah, Michael Madsen, Vivica A. Fox, Lucy Liu, Samuel L. Jackson; az./comm./thril.; Usa; 2003; C.

 




                     di Paolo Boschi


Pulp Fiction
Jackie Brown
Kill Bill - Vol. 1
Kill Bill - Vol. 2
Bastardi senza gloria
Django Unchained
C'era una volta... a Hollywood


L’acuminato itinerario di vendetta della Sposa innominata (o soprannominata Black Mamba) riprende chiarendo i non pochi dubbi di cui Quentin Tarantino con fosforica perfidia si era divertito a disseminare Kill Bill - Vol. 1: nel sequel – per quanto il film sia stato concepito senza soluzione di continuità e presentato in due parti per esigenze di distribuzione – si comincia con lo scoprire che l’anagrafe della protagonista corrisponde al nome di Beatrix Kiddo (nella prima parte parte un beep provvedeva sempre a coprirlo), e si continua con le sue prossime vittime designate, ovvero Budd e la letale Elle Driver, entrambi presenti al suo matrimonio affogato nel sangue. Il primo le darà non poco filo da torcere, con la seconda si verificherà uno scontro tra bad girls dalla dinamica selvaggia ed altamente spettacolare. E alla fine la Sposa dovrà uccidere anche il buon Bill, perché i cammini di vendetta vanno portati fino in fondo. E, se nel percorrerli succede di scoprire che la figlia, già pianta per morta, è invece ancora viva, può anche capitare di assistere ad una clamorosa sterzata melodrammatica quale la metamorfosi della protagonista in madre. Perché il cinema di Quentin Tarantino è estremo, si sa, e conglomera generi, riesuma musiche disperse nei meandri del tempo, ricicla vecchi maestri di culto ed affila le lame stinte di generi dati per defunti. Tra un primissimo piano alla Sergio Leone e una sequenza coreografica di combattimento dal perfetto manuale del cinema d'azione orientale, si arriva al finale molti colpi ferendo insieme alla struggente protagonista, una magnifica Uma Thurman che si conferma perfetta nel ruolo di ex vittima elevata al rango di spietata vendicatrice. In Kill Bill – Vol. 2 finalmente entra in scena anche il fantomatico Bill, interpretato da David Carradine, già noto protagonista del serial televisivo “Kung Fu” e da allora idolo tarantiniano. Se Kill Bill - Vol. 1 intrigava per la caotica fantasia narrativa – plot destrutturato, un ispirato inserto anime, una roboante e variegata colonna sonora – con cui Tarantino si divertiva a propinarci l'implacabile cammino di vendetta della sposa (che è un piatto da consumarsi freddo, come recitava l’antico proverbio Klingon premesso al film), in Kill Bill - Vol. 2 la storia va completando i molti buchi narrativi aperti dalla prima parte, si sviluppa in modalità più classiche, acquieta il proprio ritmo interno (anche per la soundtrack meno ispirata) senza però rinunciare ad occasionali sterzate parentetiche né sorprese ad effetto: ecco allora l'imperdibile tirata di Bill su Superman, il memento dell'apprendistato marziale della sposa (che torna utile se sei sepolta in una bara sotto terra...), l'emozione della figlia ritrovata e, dulcis in fundo, la mossa segreta che dopo cinque passi muori. Da segnalare i fantastici titoli di chiusura, un vero ludibrio per lo spettatore che senza colpo ferire è arrivato fin qua e desidera un efficace riepilogo della situazione. Formalismo allo stato puro, insomma. Tarantino al cento al cento. Una vera goduria per cinefili e non – perché il gioco dei rimandi molteplici si può apprezzare anche parzialmente, il film si fa guardare comunque con sommo diletto –: nel complesso delle due pellicole siamo decisamente dalle parti del capolavoro, una miscela esplosiva di generi off recuperati dal limbo cinematografico e shakerati ad arte, ma Le iene e Pulp Fiction restano comunque una spanna al di sopra.

Kill Bill - Vol. 2, regia di Quentin Tarantino, con Uma Thurman, David Carradine, Daryl Hannah, Michael Madsen, Vivica A. Fox, Lucy Liu, Samuel L. Jackson; az./comm./thril.; Usa; 2003; C.; dur. 1h e 50'

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner