partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il Posto, Il mio posto è qui,
Due film in sala a Firenze
Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/06/2024 - 11:55

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Piccoli affari sporchi
Regia di Stephen Frears
Cast: Chjwetel Ejiofor, Audrey Tautou, Sergi López, Sophie Okonedo, Benedict Wong; drammatico; Gran Bretagna; 2002; C.

 




                     di Paolo Boschi


The Hi-Lo Country
Alta fedeltà
Liam
Piccoli affari sporchi
Lady Henderson presenta
The Queen - La regina
Chéri
Tamara Drewe - Tradimenti all'inglese


Immigrato clandestinamente a Londra senza documenti, Okwe è un medico nigeriano finito nel mirino del regime del proprio paese e costretto a fuggire. Nella capitale del Regno Unito Okwe tira avanti facendo il tassista di giorno e il portiere di notte al Baltic Hotel nel West London, utilizzando occasionalmente le sue competenze professionali per aiutare i propri compagni di sventura: la mattina si riposa qualche ora subaffittando il divano (ma non il letto) della giovane turca Senay (impersonata da Audrey “Amélie” Tautou), impiegata come cameriera nello stesso albergo di Okwe e, come lui, braccata dall’Ufficio Immigrazione. Una notte al protagonista capita di fare una macabra scoperta nel bagno di una camera del Baltic Hotel, scoperta che lo introdurrà in una particolare branchia del sottobosco criminale, il commercio illegale di organi umani, gestito senza scrupoli dal diretto superiore di Okwe. Tra i clandestini disperati di Londra donare un rene vale diecimila sterline e un passaporto (falso) nuovo di zecca: il sogno di una vita diversa al modico prezzo di un organo della vecchia, scomoda identità. Alternandosi tra dramma e commedia su un soggetto originale (e tristemente d’attualità) di Stephen Knight Piccoli affari sporchi si avvia verso un finale all’insegna de La stangata senza mai perdere di vista la tagliente prospettiva di denuncia cui Stephen Frears si attiene fin dalle spiazzanti sequenze d’apertura, che ritagliano l’impossibile doppia vita di un clandestino di buona volontà, ovvero di un uomo che di fatto ha rinunciato anche soltanto a sognare la possibilità di un’esistenza normale. E nella Londra multietnica raccontata da Frears in Piccoli affari sporchi di fatto non si vedono inglesi ‘veri’ ma soltanto immigrati, regolari e clandestini: a questi ultimi nell’impeccabile società britannica tragicamente sono affidate schegge di vite invisibili per sbrigare occupazioni lecite e non cui nessuno si abbaserebbe. Talvolta, purtroppo, vendere organi o prostituirsi per un lavoro malpagato è un’opzione migliore da quella da cui si è deciso di scappare...

Piccoli affari sporchi - Dirty pretty things, regia di Stephen Frears, con Chjwetel Ejiofor, Audrey Tautou, Sergi López, Sophie Okonedo, Benedict Wong; drammatico; Gran Bretagna; 2002; C.; dur. 1h e 33'

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner