partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Balletto Arabesque
Highlights
Leoni per la Danza 2018
Marie Chouinard ha scelto:
A.T. De Keersmaeker
A love supreme
Palcoscenico Danza 2017
Inaugura Aterballetto
Lindy Hop
Gli appuntamenti cool
Giovani Coreografi
Vetrina Internazionale
Cenacoli Fiorentini
Grande Adagio Popolare
B.Motion
Gran finale 2014,
CCDC
As If To Nothing
7th Sense
Di Vahan Badalyan

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  29/02/2024 - 03:56

 

  home>live > danza

Scanner - live
 


IFFC 2004
International Fabbrica For Choreographers
Nuova danza alla ribalta
Fabbrica Europa 2004. La tre giorni di spettacoli (dal 6 all'8 maggio 2004 alla Stazione Leopolda di Firenze

 




                     di Giovanni Ballerini


Come era successo anche per il debutto della rassegna nel 2003, anche la seconda edizione di International Fabbrica For Choreographers (vero festival nel festival) è stata sicuramente l'iniziativa più dinamica, probabilmente la più sperimentale e contemporanea di Fabbrica Europa 2004. La tre giorni di spettacoli (dal 6 all'8 maggio 2004 alla Stazione Leopolda di Firenze) ha proposto workshop, conferenze, incontri tra giovani artisti provenienti da tutto il mondo. Un'occasione per presentare e condividere diversi percorsi artistici e di ricerca coreografica, che altrimenti difficilmente sarebbero venuti a contatto. E avrebbero avuto il battesimo del pubblico.

Ideata e coordinata da Roberto Casarotto, l'iniziativa è riuscita ancora una volta a dare visibilità ai talenti emergenti della danza internazionale e propone spettacoli brevi e brevissimi, che danno l'idea delle nuove possibili direzioni della ricerca internazionale.

IFFC, che vede la partecipazione di esperti, critici e organizzatori, ha infatti aperto un canale permanente di comunicazione, un osservatorio internazionale sulle produzioni delle formazioni più giovani. Lo scopo è favorire la circuitazione e la diffusione della cultura della danza contemporanea e, allo stesso tempo, promuovere l'avvicinamento del pubblico a esperienze di interdisciplinarietà e contaminazione dei linguaggi. A questa seconda edizione di International Fabbrica For Choreographers hanno aderito artisti provenienti da: Italia, Austria, Olanda, Polonia, Finlandia, Egitto, Usa, Israele, Giappone, Cipro, Ungheria e Gran Bretagna.
Sara Wiktorowicz, Hofesh Shechter, Alexandra Waierstall, Fabbri- Magnani Lische, Stefanie Nelson, ADARTE (Chiara Pistoia - Francesca Pompeo), Mei Yin, Frida Vannini, Ferenc Fehér, Sahar Azimi-Shlomi Bitton, Dance Gr. of 925 Tuotanto, Alessandro Bedosti-Selina Bassini-Eugenio Sidoni, Paul Wenninger, Yoko Tani, Amina Amici, Iwona Olszowska, Fabrizio Favale-Le Supplici, 17 spettacoli di giovani artisti provenienti da tutto il mondo e un incontro (il 7 maggio) "words in dance" che ha indagato sulle nuove opportunità fra il pubblico della danza italiano e l'editoria, la critica ed il giornalismo internazionali

Buono, in generale il livello delle proposte. I due spettacoli che ci sono piaciuti di più sono Exit Caspar Variation del sinuoso danzatore ungherese Ferenc Feher e soprattutto Raiocronaca - estratto di Alessandro Bedosti, Selina Bassini e Eugenio Sideri. Questo ultimo lavoro, che mette in scena il mito di Filottete (come una radiocronaca di un incontro di calcio) è scandito in ampi tratti dalla voce recitante di Ascanio Celestini e rappresenta un ottimo esempio di teatro danza contemporaneo, con grande attenzione al movimento, ma anche all'impatto visivo. Una drammaturgia fisica ed estetica di grande finezza.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner