partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


A.T. De Keersmaeker
A love supreme
Palcoscenico Danza 2017
Inaugura Aterballetto
Lindy Hop
Gli appuntamenti cool
Giovani Coreografi
Vetrina Internazionale
Cenacoli Fiorentini
Grande Adagio Popolare
B.Motion
Gran finale 2014,
CCDC
As If To Nothing
7th Sense
Di Vahan Badalyan
Lo Schiaccianoci
di Pëtr Il'ič Čajkovskij
Benoît Lachambre
Snakeskins

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  22/11/2017 - 04:20

 

  home>live > danza

Scanner - live
 


A.T. De Keersmaeker
A love supreme
Sul capolavoro di John Coltrane. Interpreti: José Paulo dos Santos, Bilal El Had, Jason Respilieux, Thomas Vantuycom. Disegno luci Jan Versweyveld, costumi Anne-Catherine Kunz
Prima nazionale il 4 e 5 maggio 2017 alle 21 alla Stazione Leopolda di Firenze della coreografia della De Keersmaeker e Salva Sanchis che inaugura Fabbrica Europa 2017. XXIV edizione. Foto di scena Anne Van Aerschot

 




                     di Giovanni Ballerini


"Danzare è sempre ascoltare! Come ascolto, io danzo. La differenza, qui, è la velocità. Tantissime sono le note in Coltrane, no? Dobbiamo tradurre tutto ciò in danza se vogliamo competere con questa velocità emozionale. Coreografi e danzatori non lasciano probabilmente le stesse tracce storiche dei compositori, ma è possibile dare una risposta coreografica alle principali composizioni della storia della musica. La danza contemporanea possiede un potere d'incarnazione che la rende capace di tali sfide. Niente è più stimolante che perseguire quest'avventura con una nuova generazione di giovani e talentuosi danzatori”.
La coreografa belga Anne Teresa De Keersmaeker - che nel 2003, presentò a Fabbrica Europa il suo magnifico assolo Once, sulle musiche di Joan Baez. - torna a Firenze con la Compagnia Rosas per presentare in prima nazionale A Love Supreme, una pièce (firmata da Anne Teresa De Keersmaeker e Salva Sanchis) costruita sulla musica dell'omonimo capolavoro di John Coltrane, creata per i cinquant'anni dalla scomparsa del compositore afroamericano. La De Keersmaeker, indiscussa e acclamata protagonista della scena europea e mondiale non poteva trovare pezzo migliore per inaugurare il 4 e 5 maggio alle 21 alla Stazione Leopolda per aprire la XXIV edizione del festival Fabbrica Europa. Vero inno spirituale in musica, A Love Supreme, che vede in scena i ballerini José Paulo dos Santos, Bilal El Had, Jason Respilieux, Thomas Vantuycom, unisce sapientemente strutture sonore chiaramente riconducibili al blues e a modalità espressive profondamente rituali a un'esplorazione della tensione che oscilla tra complessità ritmica e ricerca timbrica e sonora.
"L'interesse di questa pièce - oltre a mantenere un forte legame con una delle maggiori opere musicali del XX secolo - risiede nel modo in cui si intrecciano coreografia scritta e danza improvvisata – spiega la coreografa Leone d’Oro a Venezia nel 2015  -. Negli anni Ottanta componevo le mie coreografie nei minimi dettagli. Non mi ero ancora immersa nello studio dell'improvvisazione. Ma ero circondata da musicisti che mi hanno fatto scoprire Miles Davis e John Coltrane. All'epoca dell’apertura di P.A.R.T.S. (la scuola fondata da De Keersmaeker e legata alla Compagnia Rosas, ndr) - con l'arrivo di professori provenienti da altre tradizioni coreografiche ed esperti in altre pratiche - ho cominciato a interessarmi sempre più all'improvvisazione come strumento di ricerca: permette di elaborare un altro tipo di vocabolario coreografico e altri modi di strutturare il movimento nel tempo e nello spazio”.
Tra controllo e abbandono, tra fervore e rigore, tra formalizzazione e improvvisazione, la dinamica coreografica di A Love Supreme si sposa magnificamente con il fluire ascetico ma, anche vulcanico delle sonorità di Coltrane, in un'intensa ricerca di assoluto e di libertà. Una vibrante costellazione di movimenti in risonanza profonda con la musica, dove la danza sembra aprirsi verso l'infinito, verso l'orizzonte ultimo della trascendenza.
La pratica dell'improvvisazione si è manifestata nel percorso coreografico di Anne Teresa De Keersmaeker proprio a partire dal suo amore per il jazz.
“La storia del jazz è prima di tutto intessuta di improvvisazioni. Detto questo, alcune registrazioni in studio stanno al jazz come lo spartito sta alla musica classica: la storia del jazz è anche questo. Coltrane aveva a lungo preparato A Love Supreme prima di registrarlo in un solo giorno – sottolinea la coreografa fiamminga -. Negli anni '60, come sappiamo, numerosi ambienti artistici si lasciarono impregnare di spiritualità orientale. È particolarmente rilevante nel caso di John Coltrane, erede di una famiglia di predicatori. A Love Supreme è basato su un poema scritto di sua mano. È un'opera ampia - scrive lo storico del jazz Ashley Kahn - in cui si possono distinguere numerosi strati: poliritmia africana, jazz modale, gospel e blues. L'aspirazione spirituale è primordiale. È anche uno degli ultimi pezzi che Coltrane ha suonato con il quartetto formato con McCoy Tyner, Jimmy Garrison, Elvin Jones”..

coreografia: Anne Teresa De Keersmaeker, Salva Sanchis
interpreti: José Paulo dos Santos, Bilal El Had, Jason Respilieux, Thomas Vantuycom
musica: A Love Supreme, :John Coltrane
registrazione: sax tenore, voce: John Coltrane; piano: McCoy Tyner;  basso: Jimmy Garrison; batteria: Elvin Jones _ Acknowledgement , Resolution, Pursuance, Psalm © Coltrane, J., © Jowcol Music, Inc. (Universal Music Publ. N.V.)
disegno luci: Jan Versweyveld
costumi: Anne-Catherine Kunz
produzione: Rosas
coproduzione: De Munt/La Monnaie, Bruxelles
prima mondiale: 23.02.2017, Kaaitheater, Bruxelles
Rosas è sostenuta da: Flemish Community
Foto di scena Anne Van Aerschot - Herman Sorgeloos

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner