partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  27/02/2020 - 20:27

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Bogani - Verdone
Berliner Blues
L'introduzione del romanzo è firmata dal regista tedesco Wim Wenders
Il 9 dicembre 2004 alle 18.30 alla libreria Fahrenheit 451 a Roma Carlo Verdone presenta il romanzo di Giovanni Bogani

 




                     di Giovanni Ballerini


Berliner Blues di Giovanni Bogani
Peter Greenaway di Giovanni Bogani
Blu di Giovanni Bogani


Non sono un critico letterario, ma mi sembra che Giovanni sia un esploratore, un esploratore delle parole. Mi sembra che nei suoi romanzi racconti emozioni, con atmosfere cinematografiche, con un piede in Godard e uno in Antonioni”. Il critico letterario “atipico” è Carlo Verdone, che parla così di “Berliner Blues”, il libro che presenterà il 9 dicembre 2004 alla libreria Fahrenheit 451 di Campo de’ Fiori a Roma.

Eclettico e sensibile scrittore, ma anche puntuale critico cinematografico, Giovanni Bogani esprime nel suo scrivere uno sguardo attento e curioso sulla società contemporanea. Ne sono prova gli articoli redatti con passione per il quotidiano La Nazione, come questo suo terzo romanzo. I precedenti, “L.” e “Blu”, hanno stabilito un felice rapporto con i lettori. E con il romanzo “Berliner Blues”, Bogani va oltre, raccontando la sua Berlino, vent’anni di una Berlino capitale d’Europa, e decine di incontri con personaggi che hanno una caratteristica in comune: anche se tutti vivono a Berlino, nessuno di loro vi è nato.

Ma torniamo a dare la parola a Verdone, nell’insolita veste di critico letterario: “Quello che colpisce nei suoi racconti è la musicalità - prosegue Verdone -. Bogani conosce le parole e le usa come note di una partitura. Allo stesso tempo usa la penna come se fosse una telecamera, analizzando, scrutando, indugiando su corpi e sensazioni, esplorando luoghi. E tutto questo, in una continua febbrile ricerca di qualcosa. Luca, il suo personaggio alter ego, è continuamente alla ricerca, è avido di sensazioni. ‘Berliner Blues’ è un romanzo di viaggio, e dunque anche di fuga, di fuga da se stessi. Luca sceglie di fuggire in una città come Berlino, che dopo la caduta del Muro è esplosa in tantissimi caffè, locali: migliaia di ragazzi confluiti lì… Bogani coglie queste atmosfere, questa vitalità, con un tocco quasi da reporter. La sua è una cantata berlinese, giocata sul filo della libertà irresponsabile dell’emozione. Perché Luca continuamente si innamora, accarezza il caos dell’esistenza, cerca continuamente se stesso negli altri”.

Il volume, edito da Edimond, presenta anche 150 fotografie, scattate da Bogani negli stessi luoghi in cui è ambientato il romanzo. L’introduzione è firmata dal regista tedesco Wim Wenders. E’ la prima volta che il cineasta, vincitore della Palma d’Oro a Cannes, accetta di scrivere l’introduzione ad un romanzo. Siamo contenti l’abbia fatto per questo "Berliner Blues" che racconta Berlino come una canzone che sottolinea da un capitolo all’altro, gli anni ’80, le strade da cui era appena passata Christiane F. con i suoi quindici anni, e le case occupate, i letti sistemati su piattaforme di legno, i cani lupo che scivolano in quei dormitori rivoluzionari e alternativi. E poi gli anni ’90, il Muro crollato, i Mondiali che la Germania vince e celebra una notte di giugno tra fiumi di birra, e le bandiere del Reich tenute alte sopra la testa. E il nuovo millennio, il futuro in vetrocemento. Una città divisa, scissa come il nostro tempo, separata come lo sono, sempre, gli uomini. Berlino città simbolo, specchio di ogni divisione, Berlino città siamese. Da una parte, il mondo in bianco e nero, l’Est. Dall’altra, l’Ovest scintillante, colorato, con i prezzi di ogni cosa. Una città frantumata, come ciascuna nostra esperienza.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner