partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  24/08/2019 - 19:33

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Giovanni Bogani
Blu
Firenze, Island, 2001; pp. 192

 




                     di Giovanni Bogani


Berliner Blues di Giovanni Bogani
Peter Greenaway di Giovanni Bogani
Blu di Giovanni Bogani


Tre tappe di un viaggio e un colore, il primo colore dopo il buio, prima del buio. Questo, in sintesi, "Blu", il secondo romanzo di Giovanni Bogani, giornalista della " Nazione", autore di un libro su Peter Greenaway e del romanzo " L ." che in un anno ha esaurito tre ristampe. " Blu", edito da Island, con una introduzione firmata da Peter Greenaway, è il viaggio in tre tappe del protagonista Luca dall'Irlanda - confini del mondo, le isole Aran, il sogno di un tempo immobile, scosso soltanto dal vento - a Mosca, metropoli di povertà sbandate, bambini adottati negli alberghi internazionali, adolescenti innocenti e bellissime a giro nella notte, fino a un Brasile senza samba né carnevale, ma dove il calore, la febbre, la musica sono tutte negli occhi e nella pelle di Navidad, elegante e lontana, rugiada in movimento, donna per la quale si potrebbe impazzire. Il colore blu lega attimi, atmosfere, sensazioni: nei crepuscoli d'Irlanda, negli occhi di Natacha, sedicenne che cammina da sola nell'Arbat semideserta, in una notte moscovita.

"Blu" ha 180 pagine, costa 9 euro (17.426 lire), è edito da Island. Ogni pagina del testo ha un aspetto personalizzato. I caratteri tipografici mutano, anche all'interno della stessa pagina, per motivi espressivi, grafici, iconografici, fino a costruire una pagina che sia anche visiva, che richiami - con la stessa disposizione delle lettere - ciò di cui si parla. "Blu" dunque si libera dall'aspetto consueto, riproduttivo/tipografico, delle pagine di un romanzo, per assomigliare il più possibile alla scrittura variata, ondivaga, ineguale di un diario.

Peter Greenaway, il regista inglese autore dell' Ultima tempesta e di numerose installazioni in tutte le principali città del mondo, firma l'introduzione. E' la prima volta che Greenaway scrive una prefazione, e lo fa con un romanzo italiano. Con uno dei capitoli di "Blu", proposto come racconto autonomo, Giovanni Bogani ha vinto il concorso nazionale per racconti sul web della rivista Racconti & Letteratura. Il racconto, incluso nella sezione "Arbatskji Blues", su Mosca, si chiama "Casa Ejzenstejn".

Un sito web, già attivo - accoglie tutte le notizie sul romanzo, e le indicazioni delle presentazioni nelle varie città d'Italia. Ma, soprattutto, le pagine del libro che appaiono nel sito si aprono - con link intertestuali - verso altre pagine web, relative a personaggi, luoghi, eventi di cui il romanzo parla. Così, il sito web apre il romanzo a tutti gli eventi, le persone e le cose che entrano nella sua composizione, che lo influenzano: a tutto il mondo al quale il romanzo stesso fa riferimento. Il sito web trasforma il romanzo in un itinerario di partenza per esplorazioni potenzialmente infinite. E non è solamente un magazzino, o una vetrina, per alcune pagine del libro.

DAI TRE CAPITOLI.

Irlanda. "La musica, nelle cuffie del walkman, era di arpe e chitarre acustiche, una voce di donna leggera come la voce del silenzio. E quei flauti di ottone le cui note sembrano piegarsi come giunchi, sfumare lontano come nuvole bianche nel cielo d'Irlanda".

Russia. "Come vedi il tuo futuro?" riesce a chiederle Luca. "Male. Perché sono pazza", dice Natacha, e fa il gesto del dito che picchia contro la testa. Aveva sedici anni. E un collo morbidissimo da accarezzare, i capelli fini e biondi, le mani belle, la bocca bellissima

Brasile. Il Brasile è un ragazzino che vende gelati sulla spiaggia, pelle nera denti bianchissimi e una voglia di gridare, chissà che ci sarà da urlare, ci sono tutti i colori del mondo nella sua voce forte e piena, nella sua allegria impossibile, inverosimile

Giovanni Bogani, Blu, Firenze, Island, 2001; pp. 192

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner