partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il Posto, Il mio posto è qui,
Due film in sala a Firenze
Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/07/2024 - 01:17

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


L'appartamento spagnolo
Regia di Cédric Klapisch
Cast: Romain Duris, Cécile De France, Judith Godrèche, Audrey Tautou, Kelly Reilly, Xavier De Guillebon, Kevin Bishop, Federico D'Anna, Christian Pagh, commedia, Francia, 2002, C.
Sette studenti, Barcellona e... Erasmo da Rotterdam

 




                     di Paolo Boschi & Hans Honnacker


L'appartamento spagnolo
Bambole russe
Parigi


Nel tempo dell’Europa unita sul fronte monetario una commedia effervescente come L’appartamento spagnolo è più che mai d’attualità, per quanto il titolo originale del film di Cédric Klapisch – titolo, peraltro, del racconto-resoconto di viaggio del protagonista – intenda alludere alla vecchia accezione di locanda iberica, un albergo privo di servizio di ristoro in cui ogni viaggiatore spartiva lingua e vivande con gli occasionali compagni di sosta. La storia al centro de L’appartamento spagnolo viene raccontata retrospettivamente in prima persona da Xavier, il protagonista, un promettente studente parigino di economia che sta per intraprendere al ministero delle finanze una brillante carriera, per cui è però richiesta la padronanza della lingua spagnola. Il giovane decide così di trascorrere un anno a Barcellona grazie al programma di scambio universitario Erasmus e, espletate le numerose pratiche burocratiche, parte lasciando a casa la mamma logorroica e la fidanzata Martine (l’ex Amélie Audrey Tautou). Giunto a Barcellona, Xavier approfitta all’inizio dell’ospitalità di due compatrioti conosciuti all’aeroporto, un neurochirurgo con graziosa consorte al seguito: poi, dopo un divertente test psico-attitudinale, viene scelto come sesto coinquilino di un appartamento equamente diviso con un danese, una inglese, un tedesco, un italiano ed una spagnola. In seguito, per esigenze di affitto, arriverà anche una ragazza belga che ha intrigato proprio Xavier il quale, interdetto dalla scoperta dell’inclinazione lesbica dell’amica, ne metterà a frutto le lezioni in materia di zone erogene femminili conquistando l’attraente moglie del neurochirurgo di cui sopra che, imperdonabilmente, la lascia sola tutto il giorno. Conquistato dalla movida locale, Xavier dimentica sempre più la sua Martine e, dato che all’università le lezioni sono tenute in catalano, si ritrova ad apprendere lo spagnolo sulle strade, nei bar, alle feste. Gradualmente nel caos organizzato dell’appartamento – stanze dove regna la confusione, altre ordinatissime, il frigorifero multinazionale, il cartello d’annunci multilingue sopra al telefono, la battaglia per l’igiene del bagno, una babele linguistica continua – i turbamenti sentimentali diventano prioritari, con l’apice dell’esilarante arrivo a sorpresa di Alistair, il fidanzato della studentessa inglese (che se la sta spassando con un macho americano). L’appartamento spagnolo è una briosa commedia corale in cui Klapisch, già autore di Ognuno cerca il suo gatto e Aria di famiglia, ha condensato alcune esperienze autobiografiche (lui, ex studente di cinema a New York) ricorrendo con efficacia ai suoi caratteristici stilemi cinematografici: effetti speciali (le scartoffie burocratiche dell’Erasmus che sommergono letteralmente lo schermo), sequenze accelerate, mascherini da cartina topografica (la freccetta che indica “Je suis ici”), un uso dinamico dello spit screen (in particolare nella scena dell’arrivo di Alistair). Klapisch evita il pericolo di cadere nei luoghi comuni della diversità culturale denunciandola apertamente attraverso il personaggio meno intellettuale del cast, il fratello minore della studentessa inglese, che riduce lo spagnolo a parole come “caramba” e “olé”, o il tedesco a concetti come ordine e nazismo. Alla fine emerge una sana voglia di fuga, un irresistibile desiderio di inglobare tutte le differenze incontrate in viaggio, nel rispetto dei propri sogni d’infanzia: in estrema sintesi un film che a tratti fa ridere fino alle lacrime, ma dotato di intriganti spunti di riflessione sulla società contemporanea. Una delle maggiori sorprese della stagione: deliziosamente caotico, frizzante, positivo, in una parola imperdibile.

L'appartamento spagnolo - L'auberge espagnole, regia di Cédric Klapisch, con Romain Duris, Cécile De France, Judith Godrèche, Audrey Tautou, Kelly Reilly, Xavier De Guillebon, Kevin Bishop, Federico D'Anna, Christian Pagh; commedia; Francia; 2002; C.; dur. 2h

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner