partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


C'era una volta... a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  10/12/2019 - 05:43

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


C'era una volta... a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
Cast: Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie, Al Pacino, Timothy Olyphant, Emile Hirsch, Zoe Bell, Dakota Fanning, Kurt Russell, Damian Lewis, Michael Madsen, Luke Perry, Julia Butters, Clifton Collins Jr.
USA/ GB 2019. Durata:145 min

 




                     di Matteo Merli


Pulp Fiction
Jackie Brown
Kill Bill - Vol. 1
Kill Bill - Vol. 2
Bastardi senza gloria
Django Unchained
C'era una volta... a Hollywood


C'era una volta a... Come le fiabe anche il cinema attinge ad un sogno, a qualcosa che non è soltanto un aspetto morale o di salvaguardia, ma un semplice richiamo ad un passato glorioso e immutabile nella memoria di ogni bambino/spettatore cinefilo che si appresta a vedere il nono film di Quentin Tarantinohttps://it.wikipedia.org/wiki/Quentin_Tarantino in sala. Siamo a Los Angeles nel 1969, dove la serialità televisiva inizia il suo ciclo di successi alla omnipresent TV, e dove un Rick Dalton, attore di seconda fascia, cerca il suo ultimo rilancio con un ruolo da cattivo in uno degli ultimi vagiti western del periodo. Al suo fianco, la sua immancabile spalla, lo stuntman Cliff Booth (un Pitt in stato di grazia), ultimo baluardo fisico di un corpo a corpo con il cinema, anche qui sull’orlo dell’estinzione: infatti Booth non lavora da tempo ed è il semplice tuttofare di Dalton. A Cielo Drive, accanto alla dimora di Dalton vive Sharon Tate con il grande regista Roman Polanski, e sarà la loro storia ad incrociarsi con l’esistenza dei due protagonisti ai margini del cinema che conta. Ma come sappiamo con Tarantino la narrazione assume forme assurde digressive, e ci porta a conoscenza di un mondo cinematografico verso la scomparsa dei generi per approdare all’imminente New Hollywood con la grande crisi degli studios. Tate, è l’angelo dorato, sorridente e libero di un cinema unico e irripetibile che si aggira con un fare leggiadro ed espiatorio, di un modo di fare e vivere il cinema che tutt’ora si è dissipato di fronte ai nostri occhi ammagliati da tanto streaming. Qui lei è una speranza, come quella di Dalton di riempire con il suo volto ancora il grande schermo, mentre per Clay non rimane che stare dietro al suo cinema e arrivare con lui verso la fine di questa grande avventura chiamata cinema. In tutto questo il film è impreziosito di scene indimenticabili: come Clay si muove nel vecchio set western, covo del gruppo Manson, dell’espressione attoriale di Dalton nel suo ultimo film western americano. Poi gli omaggi sono puntellati ad ogni inquadratura, tra gli spaghetti western, locali e drive-in del periodo, come un quadro nostalgico che Tarantino vuole restituire ai suo spettatori, per fargli vivere un era indimenticabile e sfrenata e dove il finale può avere una svolta diversa e ricondurci a quel c’era una volta a Hollywood: perché è questo è il potere della settima arte.

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner