partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
Parigi a piedi nudi
Di Dominique Abel e Fiona Gordon

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  02/04/2020 - 08:50

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


21 Grammi
Regia di Alejandro González Iñárritu
Cast: Sean Penn, Benicio Del Toro, Naomi Watts, Clea DuVall, Danny Huston, Marc Musso; drammatico; Usa; 2003; C.
Il peso dell'anima

 




                     di Paolo Boschi


21 grammi
Babel
Babel - Altra recensione


Il peso che fa la differenza tra la vita e la morte equivale a 21 grammi, soltanto 21 trascurabili grammi in meno che distinguono una persona da un cadavere nell’istante successivo al trapasso, gli stessi grammi che chi è scampato alla morte continua a portarsi addosso, in altre parole il peso dell’anima. Tale è l’assioma che costituisce il fil rouge delle storie che s’intrecciano in 21 Grammi, opera seconda di Alejandro González Iñárritu, l’acclamato regista di Amores perros, ugualmente contrassegnato da un’umanità sofferta e talora indecifrabile, in piena deriva emotiva. 21 grammi condivide con il film d’esordio anche una similare complessità sul fronte della struttura narrativa: Iñárritu continua a ricamare le sue storie in modalità asimmetriche, partendo dalla fine per ricostruire le varie fila à rebours – peraltro marcandole con diversi cromatismi sulla falsa riga di Traffic –, come in un mosaico impazzito dove si passa da una tessera all’altra senza logica apparente – o, meglio, come scopriremo con l’incedere della trama, attraverso una logica riposta –. Paul è un cardiopatico docente universitario di matematica con la prospettiva di un mese di vita, se non arriverà in tempo un cuore nuovo per l’inevitabile trapianto; la moglie di Paul vive con lui quelli che potrebbero essere gli ultimi giorni della coppia ed ambisce disperatamente ad una maternità che potrebbe in qualche modo prorogare (addolcire?) il lutto incombente. Christina è una madre ed una moglie soddisfatta, perfetta titolare di una tipica famiglia americana felice che il destino sta per mandare in frantumi: e dietro l’angolo, oltre che da morte e disperazione, la donna è attesa al varco dai suoi errori giovanili di tossicodipendente che in qualche modo è uscita in tempo dall’inferno della droga. E infine c’è Jack, un ex truffatore che ha visto la luce e riscoperto la fede nell’accezione integralista del termine, dunque disilluso riguardo alla possibilità di redimere un’intera esistenza sbagliata. Un fatale incidente catalizzerà tragicamente le vite dei tre protagonisti, condizionandone le scelte in modo inaspettato, avviando un’impossibile parabola d’amore e vendetta, ma facendo loro comunque scoprire una scintilla di luce nel buio profondo delle rispettive disperazioni esistenziali. Un pugno di emozioni basilari diretto allo stomaco dello spettatore senza risparmio alcuno d’intensità, un impeccabile puzzle registico d’intrigante complessità ed una strepitosa prova del cast nel suo complesso, cast in cui spicca il solito Sean Penn, stavolta premiato con la Coppa Volpi a Venezia 2003 e probabile doppio candidato all’Oscar in virtù della solida interpretazione offerta in Mystic River di Clint Eastwood (oltre a quella di 21 Grammi, s’intende). Ponderoso, indigesto e lancinante, ma imperdibile.

21 Grammi - 21 Grams, regia di Alejandro González Iñárritu, con Sean Penn, Benicio Del Toro, Naomi Watts, Clea DuVall, Danny Huston, Marc Musso; drammatico; Usa; 2003; C.; dur. 2h e 2'

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner