partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Piero Gilardi
La tempesta perfetta
Comportamento
A cura di Renato Barilli
La pasión según Carol Rama
200 opere della pittrice torinese
Eugeni Bonet
L’occhio in ascolto
Reality invocabile
A cura di Montse Badia
Allora & Calzadilla
Fault Lines
Odette Lafrance
La pop art avanzata scopre le icone fashion
Eulalia Grau
Non ho mai dipinto angeli d'oro
Gruppo Cracking
Mostra e Performance
Luca Alinari e Rosa Canfora
Le mostre Fisico e Onirico – Creazioni

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  22/09/2018 - 20:54

 

  home>arte > contemporanea

Scanner - arte
 


Berto Lardera tra due Mondi
Un tributo ad un grande maestro nella sua città
Museo Diocesano, Palazzina delle Arti - La Spezia
dal 22/09/2002 al 13/01/2003

 




                     di Drago


Biennale d'Arti Visive a La Spezia. Premio del Golfo 2002
Una personale dedicata a Berto Lardera in onore della Biennale d'Arti Visive a La Spezia


Nell'ambito delle attività previste per la Biennale Europea Arti Visive 2002, la mostra dedicata alla scultura e all'opera grafica di Berto Lardera (La Spezia 1922 -Parigi 1989) -promossa dal Comune e dall'Istituzione dei Servizi Culturali della Spezia- è la prima grande rassegna retrospettiva realizzata da un ente italiano insieme a uno francese per questo artista peraltro nato a La Spezia.
L'importante scultore, di cui gli ambienti del Museo Diocesano e quelli della Palazzina delle Arti di La Spezia ospiteranno le opere, nonostante la vasta notorietà acquisita internazionalmente non aveva avuto fino ad oggi un adeguato riconoscimento nel nostro Paese, pur vantando la presenza in numerose e qualificate collezioni. La città di La Spezia dunque tributa a questo suo figlio, di cui la mostra è un simbolico ritorno, una prima grande riflessione critica dopo l'esordio compiuto da Lardera nella celebre Galleria del Milione a Milano negli anni '30.

Questa mostra, a cura di Bruno Corà, curatore scientifico della Biennale Europea Arti Visive 2002, in collaborazione con Marzia Ratti, direttrice dell'Istituzione per i servizi culturali del Comune di La Spezia è l'esito di un partenariato tra il Musée de Grenoble, che ne ha concepito e realizzato la prima edizione a cura di Thierry Dufrìne, la Biennale del Golfo e le Istituzioni culturali della città .


Oltre dunque alla significativa raccolta di opere già compiuta dal Museo di Grenoble, l'arrivo della mostra a La Spezia ne prevede l'integrazione on un nucleo significativo di altre importanti sculture presenti in collezioni italiane a Milano, a Roma, a Firenze e Pistoia e di documenti inediti che oltre a fornire nuova luce sull'attività di questo artista ne marcano gli esordi italiani.
Berto Lardera infatti, dopo aver intrapreso gli studi classici a Firenze, inizia da scultore autodidatta l'esperienza plastica proseguita e maturata durante alcuni soggiorni a Parigi e a Londra (1929-1935). Dopo il suo rientro in Italia, durante gli anni della guerra mondiale compie sperimentazioni su vari materiali come il legno, la pietra, il marmo, ma anche il bronzo. E' nel frangente temporale che va dal 1942 al 1945 che nascono le prime sculture bidimensionali come esito di una concezione plastica simultanea resa possibile da un'eloquente elaborazione di pieni e vuoti di cui la qualità laminare dei metalli, spesso diversi e saldati tra loro, si fa carico. Nel 1947 parte nuovamente e definitivamente per Parigi, dove nel 1948 realizza la prima mostra personale alla Galleria Denise Renè; lo stesso anno è invitato alla Biennale di Venezia (1948).
In seguito Lardera sarà presente ancora altre volte in essa e in numerose manifestazioni internazionali, tra cui la Biennale di S. Paolo del Brasile, la Documenta di Kassel (1955), la Triennale di Nuova Delhy (1968).

Una delle proprietà più evidenti della scultura di Lardera è la qualità del disegno delle sue parti plastiche i cui profili laminari si articolano in molteplici ortogonalità di piani e tensioni, tutti insieme rivolti a un mirabile equilibrio spaziale.


Nella mostra, in cui sono presenti opere provenienti dalla famiglia Lardera, da numerose collezioni private e da musei francesi, tedeschi e italiani, si distinguono "Sculpture à deux dimensions" (1947), "Occasion Dramatique" (1952), "Salle de rècrèation plastique" (1971) e altri importanti esiti dell'arte di questo Maestro.



BERTO LARDERA - TRA DUE MONDI

Museo Diocesano - Palazzina delle Artiz
Via del Parione, 236 - La Spezia
Dal 22 settembre - 13 gennaio 2003


Orari:
da mercoledì a domenica, 10.00-12.30 / 16.00-19.00
martedì: 16.00-19.00
Chiusa il lunedì

Catalogo diponibile presso la sede della mostra


E' davvero triste, però, che un artista riceva onore e spazio nella propria città solamente dopo la sua scomparsa... è l'accomularsi di fatti come questo che portano i grandi maestri a migrare verso altri Paesi, con realtà forse più umili, ma più aperte ed attente.


Voto 7.5 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner