partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Comportamento
A cura di Renato Barilli
La pasión según Carol Rama
200 opere della pittrice torinese
Eugeni Bonet
L’occhio in ascolto
Reality invocabile
A cura di Montse Badia
Allora & Calzadilla
Fault Lines
Odette Lafrance
La pop art avanzata scopre le icone fashion
Eulalia Grau
Non ho mai dipinto angeli d'oro
Gruppo Cracking
Mostra e Performance
Luca Alinari e Rosa Canfora
Le mostre Fisico e Onirico – Creazioni
Ketuta Alexi – Meskhishvili
One Hand Clapping

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/12/2017 - 16:04

 

  home>arte > contemporanea

Scanner - arte
 


Eugeni Bonet
L’occhio in ascolto
The Listening Eye: Schermi, proiezioni, scritti. La mostra, curata da Valentín Roma, riunisce i lavori dai primi anni Settanta ad oggi. E’organizzata in tre grandi sezioni: i suoi programmi audiovisivi, la sua pratica artistica e la sua creazione letteraria
Exhibition organised and produced by Museu d’Art Contemporani de Barcelona. dal 16 maggio al 31 agosto 2014 al MACBA

 




                     di Giovanni Ballerini


Artista a tutto tondo, curatore e scrittore che lavora in video, su film e media digitali. C’è molto interesse per The Listening Eye: Screens, Projections, Writings, la mostra organizzata e prodotta da  Museu d’Art Contemporani de Barcelona (MACBA), che  ripercorre l'opera di Eugeni Bonet,   partendo dai suoi esordi nei primi anni Settanta per approdare alle creazioni di oggi di questo creativo nato a Barcellona nel 1954. L’esposizione curata da Valentín Roma pone particolare attenzione ai suoi transfert tra la riflessione e la pratica, ma anche tra il contesto delle arti visive e l'immagine in movimento. Il progetto si articola in tre linee distinte, ma complementari, di ricerca: la ricostruzione di sei programmi audiovisivi, una presentazione museografica del suo lavoro artistico e la presentazione di Escritos de vista y oído (un libro, prodotto specificatamente per MACBA, che contiene 24 testi dell'autore , scritta tra il 1975 e oggi).  Per ampliare il contenuto di questo progetto è stato creato un sito web http://www.macba.cat/eugenibonet/, che contiene una vasta collezione di testi scaricabili che completano i contenuti della pubblicazione.
La sezione Schermi mette in luce l'attività di Bonet come curatore e programmatore di cicli audiovisivi. Sono stati parzialmente ricostruiti sei programmi e che ci permettono di comprendere alcuni dei principali concetti teorici di Bonet .
Partiamo da  Desmontaje: film, video / apropiación, reciclaje (Demontage: film, video / appropriazione, riciclaggio), che testimonia il found footage o appropriazione, che nei primi anni Novanta si praticava con l’audiovisivo. Da questo punto di vista sono interessanti il titolo del ciclo itinerante prodotta da IVAM nel 1993 (che conteneva diciotto programmi diversi), Intervenciones urbanas (Urban interventi ) del 1994, Ciència - fricció (frizione tra arte, scienza, tecnologia, i media e la società) per il crepuscolo del Millennio del 1997,  El cine calculado del 1999 e 2001 (prodotto da BNV / Carta de Ajuste e il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid , questo ciclo di sette programmi è stato presentato anche alla Fundació Antoni Tàpies di Barcellona e al la Cinémathèque Royale de Belgique a Bruxelles), Comer o no Comer, un ciclo di quindici programmi del 2002-3 che costituiva la sezione audiovisiva di Comer o no Comer, una mostra curata da Darío Corbeira, Carlos Jiménez e Eugeni Bonet nel contesto di Salamanca, capitale Europea della Cultura 2002. Infine  Desconexiones peritelevisivas, una serie di cinque programmi mostrato sul HoritzóTV nel 2007.
Nella sezione Proiezioni vengono proposti anche i film degli anni settanta di Eugeni Bonet, molti dei quali non sono mai stati mostrati al pubblico e sono stati ricreati per l'occasione e con le altre opere come V - 2 , del 1974, il suo primo contatto con il video ora salvato dal suo originale di sostegno; Photomatons del 1976 e Toma - Vistas del 1978 , tra i suoi saggi multi- schermo; e, infine, 133 , 1978-1979 , un film realizzato insieme a Eugenia Balcells, dove l'interesse dell'artista sta nel found footage, smontaggio e appropriazione audiovisivo.
I suoi lavori più recenti includono Usession 2002, sempre presentato come un'installazione di proiezioni multiple e il lungometraggio Tira tu reloj al agua (Variaciones sobre Una cinegrafía intuida de José Val del Omar ) (Getta il tuo orologio in acqua [ Variazioni su un pellicola intuitivo da José Val del Omar ] ) , 2003-4 ed eGolem del 2007. Da non perdere anche tagli veloci e formati brevi, come 10 MIN 2005 e Una delizia spagnola, 2007 e altri pezzi realizzati negli anni Ottanta e Novanta, che sono disponibili online.
La terza linea di ricerca, Scritti, rafforza l'idea che il lavoro di Bonet si esalti in un esercizio di cross- scrittura, non sempre su carta e supporti grafica, ma da e con vari mezzi, come testimonia anche Escritos de vista y oído.
A compendio della mostra saranno organizzati vari eventi, tavole rotonde, presentazioni di film e discussioni. A questo proposito ricordiamo:
Lunedì 19 maggio 2014 , alle 19:30 per Eugeni Bonet, Escritos de vista y oído, Eugeni Bonet e Valentín Roma presentano la proposta museografica e il libro compilato appositamente per questo progetto – al Meier Auditorium. Ingresso gratuito. I posti sono limitati.
Mercoledì 28 maggio 2014, alle 19:30 Daniel García Andújar. Presentazione e proiezione del film di Joris Ivens ... À Valparaíso (1963 , 27 min ) al Meier Auditorium. Ingresso gratuito. I posti sono limitati
Giovedi 12 Giugno 2014 alle 19   Presentazione del progetto da parte del team MACBA
alle 20 Pratiche sperimentali visive in Spagna, tavola rotonda moderata da Josu Rekalde , con la partecipazione di Juan Bufill , Carles Hac Mor e Eli Lloveras - Dels Convento Àngels Auditorium . Ingresso gratuito . I posti sono limitati
Lunedi 16 giugno 2014 alle 19:30 Albert lcoz Eugenia Balcells e Eugeni Bonet . Presentazione e proiezione di Photomatons (1976 , 5.33 min) , 133 (1978-79 , 45 min) e Motion Pictures (1976 , realizzazione 2014, 7 min ) Meier Auditorium . Ingresso gratuito. I posti sono limitati
Lunedi 30 giugno 2014 alle 19:30 Laurence Rassel. Presentazione e proiezione del film di David Blair WAX o la scoperta della televisione tra le api ( 1987-91 , 85 min)
Meier Auditorium . Ingresso gratuito. I posti sono limitati

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner