partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Thony
Birds
8 Mile
Autori Vari
La finestra di fronte
Autori Vari
Ricordati di me
Autori Vari
Queen of the Damned
Autori Vari
Spider-Man
Original Soundtrack
Yann Tiersen
Amelie From Montmartre
O brother, where art thou?
Un'impeccabile silloge di musica tradizionale americana
Lara Croft Tomb Raider
Music from the motion picture
The Beatles
Yellow Submarine Songtrack

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  30/03/2020 - 21:56

 

  home>musica > soundtrack

Scanner - musica
 


Yann Tiersen
Amelie From Montmartre
La spledida colonna sonora di Le Fabuleux destin d'Amelie Poulain
[Virgin], 2001

 




                     di Giovanni Ballerini


Il fenomeno Amélie Poulin
La recensione
La colonna sonora di Yann Tiersen
L'esplosivo piano di Bazil


Suoni barocchi contemporanei, valzer, musette, beguine, sound degli anni Trenta e soprattutto tanto fascino, per una colonna sonora tanto geniale, quanto, allo stesso tempo, fuori e dentro il tempo. Lo stile di Yann Tiersen si esalta in questo Amelie From Montmartre che illustra a meraviglia e dà forza alle atmosfere di Le Fabuleux destin d'Amélie Poulain, il film rivelazione di Jean-Pierre Jeunet.

Lo stile pianistico classico ed elegante, le invenzioni di Tiersen che, quasi contemporaneamente ha fatto uscire anche un altro ottimo Cd ( L'absente), sembra finalmente aver conquistato meritatamente l'attenzione del pubblico europeo, che sta tributando l'accoglienza che merita a questa fantastica colonna sonora. Merito di un gusto sopraffino, che il compositore di Brest inserisce indelebilmente in ogni composizione. Atmosfere mutanti, che passano idealmente dai vituosismi alla Michael Nyman, alla calda malinconia di Nino Rota, dai suoni del folk bretone (che profuma d'Irlanda), alla jazz musette dei bistrot parigini, passando per la musica crepuscolare delle composizioni di Wim Mertens. Il tutto, persino, nell'arco della stessa canzone. In realtà in questo Cd i paesaggi musicali (spesso senza bisogno di parole), si susseguono amabilmente, contrastano fra loro come le macchie di colore su una tela che, tutte insieme, danno luogo a un capolavoro. Ogni tanto, come dai ricordi, spunta fuori un valzer avvolgente. Non è una novità per questo polistrumentista bretone, classe 1970, che (non a caso) decise di titolare nel 1995 il suo primo " Le waltz des monsters". In ogni caso, nonostante sia uno sperimentatore, Tiersen da tempo ricerca nuove soluzioni nell'universo musicale tradizionale, prescindendo (se non idealmente) da tentazioni rock 'n' roll. Sia che suoni il piano, le percussioni, il violino, la fisarmonica, lo xilofono o uno strumento del giocattolo, Yann dà vita a note sobrie e riflessive, esprimendo un senso musicale davvero originale. Se ne sono accorti tanti registi, che hanno scelto Tiersen per le colonne sonore dei loro film. Qualche esempio? André Téchiné, per " Alice et Martin", Christine Carrière per " Qui plume la lune ?", Eric Zonca per " La vie rêvée des anges" presentato con successo a Cannes 98.

Con la colonna sonora di Le Fabuleux destin d'Amélie Poulain, pubblicata recentemente dalla Virgin, Yann Tiersen sta, come dicevamo, prendendosi le soddisfazioni che merita: all'inizio di luglio 2001 il Cd aveva infatti già ottenuto un doppio disco d'oro (200,000 vendite). E il successo non sembra che all'inizio, visto che sia " L'absente", che "Amelie From Montmartre " stanno ottenendo i consensi di un pubblico sempre più ampio.

Yann Tiersen, Amelie From Montmartre [Virgin - 2001]

Voto 9 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner