partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
I’m with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light
The Charlatans
Who We Touch

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  18/12/2017 - 04:08

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


Courtney Love
America's Sweetheart
L'ex leader delle Hole torna a graffiare
Virgin, 2004

 




                     di Giovanni Ballerini


Courtney Love, America's Sweetheart
Kurt & Courtney al Festival dei Popoli
Il film - documentario di Nick Broomfield


C’è poco da fare Courtney Love, data di nascita 9 luglio 1964 segno zodiacale cancro, è sicuramente la rock star più intrigante del 2004. L'ex leader delle Hole con il suo indovinato America's Sweetheart torna a parlare fluidamente la lingua del rock. Con la sua rabbiosa vocalità riporta il giunge alla ribalta, ma lo vena di melodia, ne esalta le radici punk, senza per questo abbandonarsi al rumore. Anzi. Lo stile scabro, volutamente essenziale, delle Hole viene arricchito di nuove sfumature, ma è proprio questo a sedurre l’ascolto. Nei dodici brani di America's Sweetheart non c’è spazio per il pop che va tanto di moda di questi tempi, casomai i riferimenti vanno ritrovati in certe sperimentazioni delle band hardcore californiane. E dalla morbidezza di alcune melodie escono graffi. In perfetta sintonia con lo stile pin-up grunge del personaggio. In effetti non occorre disturbare l’anima dell’ex marito Kurt Cobain (si sposarono a Waikiki, nelle Hawai, il 24 febbraio del 1992), non è certo il caso di parlare di marchio di famiglia. Courtney del giunge è un’icona quanto Cobain. Da sempre. E probabilmente tante intuizioni dei Nirvana sono nate dalla stessa disperazione, dalla stessa rabbia creativa che ha caratterizzato la musica delle Hole. Ora il gruppo non c’è più, come non c’è più Kurt, ma quell’insana voglia di distruggere tutto con il rock agita ancora le creazioni di Courtney. E si sente. Anche se infatti il Cd vanta collaborazioni d'eccezione come Linda Perry (ex-4 Non Blondes) e Bernie Taupin (il paroliere di Elton John) è perlomeno riduttivo considerare America's Sweetheart in chiave power-pop. L’arte di Love Michelle Harrison, da S.Francisco è strettamente collegata alla sua capacità di essere comunque se stessa in ogni situazione. E quindi esplosiva, incontenibile, scandalosa. Anche quando sembra essere dolce e maliosa, il ruggito della leonessa, la zampata della pantera bionda aleggia nell’aria. E aleggia anche in America's Sweetheart: perché mai Courtney dovrebbe rinunciare al suo Il fascino, alla sua voglia di trasgressione? Ci fa infatti sorridere chi si è stupito quando la vocalist si è spogliata durante il Dave Letterman show (dove era andata per promuovere il suo nuovo Cd). Non a caso poco dopo, durante un concerto, la solita scandalosa Courtney ha colpito uno spettatore sulla testa con l'asta del microfono. Courtney è insomma sempre Courtney, quando canta, ma anche quando mostra il seno nudo in tv o fa a botte in un club. La pensa così anche l’Arcana Editrice che ha fatto uscire nel 2004 un libro a lei dedicato. L’autrice Simona Siri si interroga un po’ come noi: Ultima e vera icona del rock “femminile”? Attrice di talento? Vedova inconsolabile? Regina del fashion-system? Yoko Ono del grunge? Madre affettuosa? Bestia nera della discografia? Paladina della libertà di espressione? Biancaneve o la strega cattiva? Di sicuro (ed è quello che c’importa) non è una pop star patinata. C’è chi, come il regista Regia di Nick Broomfield non la sopporta (Kurt & Courtney, documentario; Usa; 1998) e chi la idolatra.

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner