partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti
Suspiria
Di Dario Argento
Veloce come il vento
Regia di Matteo Rovere
Fuocoammare
Di Gianfranco Rosi

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  23/06/2018 - 17:51

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Kurt & Courtney
Regia di Nick Broomfield
Con Kurt Cobain; documentario; Usa; 1998; C
Lo schermo dei suoni

 




                     di Giovanni Ballerini


Courtney Love, America's Sweetheart
Kurt & Courtney al Festival dei Popoli
Il film - documentario di Nick Broomfield


Musica e cinema, ma che bel connubio... Non stiamo parlando per una volta delle colonne sonore, che da qualche tempo hanno, spesso, più fortuna (e diffusione) di tanti film, ma dello Schermo dei Suoni, la sezione dedicata alla musica filmata o ai film musicali proposta da qualche anno con successo dal Festival dei Popoli. La prestigiosa rassegna internazionale del film di documentazione sociale , in programma a Firenze dal 13 al 19 novembre si conferma infatti un appuntamento da non perdere. Anche per gli amanti della buona musica. La perla musical/cinematografica della trentanovesima edizione del festival fiorentino è sicuramente l'attesa anteprima italiana del film "Kurt & Courtney", la pellicola che indaga sul giallo sulla morte dell'ex leader dei Nirvana Kurt Cobain e sulla personalità della scatenata leader delle Hole e del nuovo rock al femminile made in USA. La pellicola diretta da Nick Broomfield chiude in bellezza il festival proponendo una tesi inquietante e controversa, quella dell'avvocato Tom Grant, che non sembra credere al suicidio dell'ex cantante e chitarrista dei Nirvana. E, di fatto, sembra accusare la moglie Courtney Love di omicidio. Il film, che ha già fatto molto discutere alla sua uscita in Inghilterra (e non solo), rappresenta in realtà anche una prima, interessante, riflessione sul giornalismo scandalistico (musicale e non) tanto in voga (purtroppo) in questi tempi. Nel film Cobain è lontano dal mito: dai racconti degli amici appare un uomo spaventato, un uomo al limite di una scelta di vita e una di morte. Un uomo fragile, sensibile e preoccupato. Un uomo solo, circodato da gente (a parte Courtney) senza personalità Ma proprio per questo lontano dalla decisione di attuare veramente un suicidio troppe volte annunciato per essere veramente attuato. Il Festival dei Popoli 98 riserva comunque anche altre altre allettanti novità per musico-cinefili: anteprime, concerti e rarità dedicate al mito di Charles Parker, di Lou Reed e di Bob Marley, il jazz di Joe Lovano, per proseguire la tradizione di Musica e Jazz e naturalmente dello Schermo dei suoni. La sezione del festival tradizionalmente dedicata alla musica viene concentrata nel pomeriggio e nella serata di lunedì 16. Si parte alle 18 con Solidaritatslied, Haans Einster, Eine Geschichte, un documento diretto da Larry Weinstein dedicato al grande compositore tedesco Haans Einster. Interessante anche il seguente Modulations - Cinema for The Ear, che in 75 minuti riesce a sintetizzare l'evoluzione della musica elettronica (dai Kraftwerk alla disco di Giorgio Moroder, dalla techno di Detroit al jungle dub dei Prodigy), ma per gli amanti del rock sono imperdibili soprattutto le ultime due pellicole della serata: Lou Reed : Rock& roll heart (di Grenfield Sanders) e Bob Marley live in concert (di Stefan Paul). Suoni e immagini inedite dalla parte selvaggia di New York (dai Velvet Underground alle ultime performance) e dal gioioso Sunsplash Festival giamaicano per due miti della musica contemporanea. Anche il jazz, come dicevamo, celebra i suoi miti, ma guarda anche al presente e al futuro con una imperdibile serata organizzata in collaborazione con il Musicus Concentus al Teatro Puccini di Firenze il 17 novembre. In programma la proiezione di un film inedito con Charlie Parker e l'atteso concerto del Joe Lovano Trio Fascination. Improvisation di Norman Granz è una pellicola del 50 in che documenta il primo incontro fra il re del bebop e Coleman Hawkins, ma anche rarità assolute come il con-certo del 66 in cui Duke Ellington duetta con Juan Mirò e le sue sculture, esibizioni Lester Young ed Ella Fitzgerald. La serata culminerà con il concerto del nuovo trio di Joe Lovano, che in questo momento è il sax tenore numero uno del jazz.

Kurt & Courtney, regia di Nick Broomfield, con Kurt Cobain; documentario; Usa; 1998; C

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner