partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Francesca Reggiani
Doc – donne di origine controllata
David Larible
Il clown dei clown
Carlo Monni
Il ricordo di Scanner
Tim Crouch
I, Malvolio
Monica Guerritore è Oriana Fallaci
In Mi chiedete di parlare
Franca Valeri
Non Tutto è risolto
Franco Branciaroli
Don Chisciotte
Jan Lauwers
Scanner per Diario Di Bardo
Francesco Randazzo
Por el bien de todos
Bekim Fehmiu
Ulisse ha lasciato le Porte di Ercole per sempre

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/05/2024 - 03:38

 

  home>live > personaggi

Scanner - live
 


Carlo Monni
Scanner intervista il mito comico toscano
Sempre più bukowskiano, poeta maledetto, attore poliedrico
Vive a Firenze in via dell’Inferno, ancora innamorato folle di Dante, odia ancora, sempre più, la televisione

 




                     di Tommaso Chimenti


Carlo Monni, L'amor è quel che conta, 2003
Carlo Monni, Monni all'inferno, 2005
Carlo Monni, intervista, 2007
Carlo Monni, Nottecampana, 2008
Carlo Monni, il ricordo di Scanner, 2013
Carlo Monni, Il ricordo di Titti Foti, 2013


"E’ meglio morire allo sbaraglio in piazza che essere tutelati della cultura ufficiale”. Così Carlo Monni rilancia il suo conosciuto anatema ai velluti dei teatri infiocchettati, quelli che non lo hanno voluto, quelli in cui lui, per scelta, da molto tempo non mette più piede. Dove non si è mai sentito a suo agio come tra il popolo. Sempre per scelta non ha cellulare, non ha televisione, non ha computer, non ha scarpe ma solo sandali francescani, non è mai entrato in un supermercato né grande magazzino. Anche così ci si difende dalla modernità e si scomunica la tecnologia. Per trovare il Monni basta andare alle Cascine. Gli sono rimasti appiccicati addosso come seconda pelle i ruoli di Bozzone in “Berlinguer ti voglio bene”, di Geppetto nel “Pinocchio” con i Due Mendi, il padre in tante pellicole con Nuti prima e dopo con Benvenuti. Ogni mattina macina chilometri. “Camminare mi ha salvato la vita”, spiega mentre passa sull’argine dell’Arno. Senza maglia, con i sandali a tracolla, i pantaloni tirati al polpaccio come un gondoliere. La gente lo saluta con amore. E’ uno di loro. La signora con le sporte della spesa, l’anziano con il cane a passeggio, il ciclista in pensione. Gli vogliono bene e lui ricambia, grezzo ma sincero, verace e naif. Un’estate molto impegnata quella appena trascorsa: “Ho lavorato troppo – spiega Monni continuando imperterrito a camminare di gran lena – proprio in questi giorni ho girato una scena a Prato di “Cenci in Cina” di Marco Limberti (con Alessandro Paci protagonista) e “Il mattino ha l’oro in bocca” di Francesco Patierno tratto dal libro “Il giocatore” di Marco Baldini (la spalla di Fiorello su Rai Radio 2)”. E poi le letture al Forte Belvedere, le due serate con “Monni all’Inferno” nelle splendide Cave di Seravezza, le serate all’“Utopia del Buongusto” del Kaemmerle con “Ostaggi” e le tante feste de l’Unità dopo porta il suo “Compilation 1, 2 e 3” una ricerca tra canzone e letteratura: Casole d’Elsa, Tavarnelle, “a Castelfranco di sopra ho ammansito una folla di duemila persone e neanche uno che sia andato via: sembra impossibile averli intrattenuti soltanto con la poesia”. Sempre più bukowskiano, poeta maledetto (vive a Firenze in via dell’Inferno), ancora innamorato folle di Dante, odia ancora, sempre più, la televisione, parla con ammirazione del figliol prodigo Massimo Ceccherini. Di quelli che hanno fatto della propria vita un romanzo e non il contrario, anche se “ho una sceneggiatura un po’ autobiografica di qualche anno fa nel cassetto. Il protagonista è Torquato Nerucci uno che lascia la campagna per andare in città e riesce a salvarsi dalla fabbrica. Ricorda vagamente la “Vita agra” di Luciano Bianciardi. Nerucci è uno che entra in biblioteca e dopo poco mette a vangare tutti gli intellettuali”. E adesso come stai? “Mi sento affaticato – dice sorridente grattandosi il petto villoso e strizzando gli occhi chiari guardando l’Isolotto – quando sarà terminato questo periodo di intenso lavoro su più fronti mi dedicherò a pieno alle passeggiate ed alla scoperta di piccole trattorie nostrane”.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner