partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


David Larible
Il clown dei clown
Carlo Monni
Il ricordo di Scanner
Tim Crouch
I, Malvolio
Monica Guerritore è Oriana Fallaci
In Mi chiedete di parlare
Franca Valeri
Non Tutto è risolto
Franco Branciaroli
Don Chisciotte
Jan Lauwers
Scanner per Diario Di Bardo
Francesco Randazzo
Por el bien de todos
Bekim Fehmiu
Ulisse ha lasciato le Porte di Ercole per sempre
Massimo Verdastro
Scanner intervista l’attore e regista

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/07/2019 - 19:04

 

  home>live > personaggi

Scanner - live
 


Franca Valeri
Non Tutto è risolto
La Valeri autrice e protagonista con Licia Maglietta, Urbano Barberini, Gabriella Franchini. Regia Giuseppe Marini, scene Alessandro Chiti, costumi Mario Tufano. Compagnia Società per attori
Dal 13 al 18 marzo 2012 al Teatro della Pergola a Firenze, il 21 marzo al Teatro Era di Pontedera, dal 17 al 22 aprile 2012 al Teatro Carigliano di Torino

 




                     di Giovanni Ballerini


Porta i suoi 92 anni con classe, intelligenza e leggerezza la milanese Franca Maria Norsa, nome d’arte Valeri in omaggio al poeta francese Paul Valéry, che continua a esprimere in ogni cosa che fa un'immagine di sé genuina, intelligente, anticonformista eppure lontana dalla volgarità. Nell’ultimo anno l’instancabile Franca ha lanciato due novità editoriali, l’autobiografia Bugiarda no, reticente, il dialogo tra due signorine perbene su L’educazione delle fanciulle composto insieme a Luciana Littizzetto, ma c’è stato spazio anche per il documentario Franca, la prima di Sabina Guzzanti (una vera dichiarazione d’amore, presentato all’ultimo Festival del cinema di Roma) e per lo spettacolo Non tutto è risolto, che dal 13 al 18 marzo 2012 è in scena al Teatro della Pergola di Firenze. Un’elegante commedia dove la sua preziosa ironia gioca ancora con entusiasmo a cogliere nuovi spunti dall’esperienza di una vita trascorsa sulla scena.

“Mi sono egoisticamente aggiudicata una protagonista che al crepuscolo di una vita lunga e avventurosa, reale quanto inventata (l’infelicità scartata con un colpo di tacco, il protagonismo raggiunto con la follia, i legami affettivi temuti come armi), sembra decisa a chiudere le sue partite ancora aperte con gli ultimi coprotagonisti della sua esistenza, siano essi persone, luoghi o oggetti - racconta Franca Valeri - Ma basta anche una piccola mossa all’accanito giocatore per restare ancora, appunto, in gioco. Per lei una cameriera e una bellissima stufa. La vita potrà ancora divertirla? Dopotutto, dice la signora, “non era nelle intenzioni del Creatore farci divertire”.

Non tutto è risolto è probabilmente la scrittura teatrale più importante di Franca Valeri. Un testo tra il comico e il metafisico, un po’ beckettiano, ma senza ascetismo. C’è una vecchia svampita (ma fino a un certo punto), una segretaria, Licia Maglietta, un figlio (forse), Urbano Barberini, una cameriera, Gabriella Franchini, una stufa di maiolica (che è piuttosto passiva, ma ha una parte importante). Dall’intrecciarsi delle loro battute, sempre giocate tra finzione e realtà, emerge un discorso profondo (e sempre divertente) sull’ambiguità della vita (e del teatro) e sull’approssimarsi della morte. Lo spettacolo di Franca Valeri (il cui testo è stato pubblicato nel 2011 nella collezione di Teatro dell’editore Einaudi) è messo in scena da Società per attori, le scene sono di Alessandro Chiti, i costumi di Mario Tufano e la regia di Giuseppe Marini.

“L’ultima commedia di Franca Valeri, di cui ho avuto il compito-privilegio di sorvegliare e incoraggiare le varie stesure, si è subito imposta alla mia attenzione per un fascino particolare: una certa eccentricità di scrittura, unita alla feconda irregolarità tipica degli artisti più grandi, quelli che non amano pascersi e riposare su risultati ottenuti e consolidati, ma che osano imbattersi in territori non ancora esplorati – spiega Giuseppe Marini-. Franca giocava con assoluta libertà - quella dei veri grandi, non disgiunta cioè da una particolare prudenza - con la propria avventura esistenziale e artistica, montava e rismontava i propri “materiali” in un caos ordinato e regolatissimo dove, attraverso una modalità tipicamente impressionista, un certo realismo de-realizzato, ma mai del tutto abbandonato, riesce a coniugarsi con grazia mozartiana in lirismo metafisico. Con un avveduto (e meravigliosamente insensato) altalenare di citazioni e rimandi, in un corto circuito di mirati occultamenti e svelamenti capace di includere e contagiare il Personaggio, la Persona e l’Attrice, si andava componendo una macchina testuale (specchio segreto… forse… di una meravigliosa avventura umana e artistica?) che osa fare di Non tutto è risolto il suo originale statuto espressivo.” 

Mercoledì 14 marzo alle 18.00 la compagnia incontra il pubblico in teatro, coordina Gabriele Rizza, ingresso libero.

Orario spettacoli: dal martedì al sabato: ore 20.45, domenica: ore 15.45. Lunedì 6 febbraio 2012 riposo

Voto 9 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner