partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Batracomiomachia
La versione di Leopardi
La Biennale di Venezia
Gli appuntamenti 2022
Musica in scena
Un progetto multidisciplinare
Biennale College
Terza edizione
Crave
Di Sarah Kane
Era la nostra casa
Scritto e diretto da Nicola Zavagli
Teatro popolare d’arte
Tutto Scorre - una favola nera
Tre donne in cerca di guai
Regia di Nicasio Anzelmo
Call Me God
Finalmente l'edizione italiana
Piero della Francesca
Il punto e la luce

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/04/2024 - 22:24

 

  home>live > appuntamenti

Scanner - live
 


Gogmagog & The Playground
Ristorante dai tanti ordini
Ispirato alla novella di Kenji Miyazawa, Regia e design di Sam Trumbridge, Con Carlo Salvador, Tommaso Taddei (Gogmagog) e Dorit Scwartz e Tracy Zanelli, Produzione: Alessio Romani
Teatro Studio di Scandicci 17, 18 gennaio 2007

 




                     di Tommaso Chimenti


Teatro Studio di Scandicci, Diversamente Parlando, stagione 2007
Scena Verticale, Dissonorata, 2007
Motus, Rumore rosa, 2007
Studio Su Medea, regia di Antonio Latella, 2007, presentazione
Studio Su Medea, regia di Antonio Latella, 2007, recensione
Gogmagog & The Playground, The Restaurant of Many Orders, 2007, presentazione
Gogmagog & The Playground, Ristorante dai tanti ordini, 2007, recensione
Giampiero Cicciò, Giovanna d’Arco di Borgo vecchio, di Gianni Guardigli, 2007
Compagnia Krypton, Picchì mi guardi si tu si masculu, 2007
Egumteatro, L’omossessuale o la difficolta’ di esprimersi, 2006


Il Teatro Studio è trasformato in un vero e proprio ristorante. Il numerino all’entrata come dal salumiere, il portabiti, il posto assegnato, posate, piatti, bicchieri e tovaglie bianche, musica soft da piano bar. Per i Gogmagog, come per i Sotterraneo per Intercity Toronto, lavorare con un regista esterno alla compagnia, e per giunta straniero, ha migliorato e affinato le abilità del duetto. Una magistrale prova per i due di Scandicci. Entrano in sella ad un’ape e ricordano Nanni Moretti in groppa alla sua mitica vespa bianca in “Caro Diario” o la coppia Benigni- Monni in bicicletta in “Berlinguer ti voglio bene”. Tommaso Taddei, tirato a lucido, eccentrico con piglio fresco, è in perfetto stile “Arancia meccanica”, lo sguardo allucinato, le movenze scattose, il passo da tacchino nell’aia- ballerino improvvisato sulle punte che cammina come Pantalone tra l’ossequioso e il viscido. In faccia due maschere della Commedia dell’Arte pinocchiesche, con tute arancioni da Abu Ghraib. Taddei e Carlo Salvador, spalla ideale per le peripezie fisiche del biondo, sono grotteschi e violenti e stralunati, pazzi da legare con gli occhi da “Shining”, emarginati border line. La scena iniziale del mercato ambulante, ora sono vu cumprà ora venditori televisivi (ma in fondo c’è vera differenza?) è esilarante e tira fuori il meglio del comico surreale che i Gog hanno sempre avuto nel loro dna artistico. Hanno voci nasali e movimenti burattineschi scollegati, articolazioni senza cartilagine, quasi elettrificati da scosse manicomiali. Intanto le ballerine servono il vino agli avventori con i tavoli che circoscrivono lo spazio-arena, pronta per la mattanza-corrida-tonnara, dove si muove l’azione. La Fame inganna come Morgana, la fame è l’inganno. Il cannibalismo espone le sue armi, presenta il suo carnet. I bigliettini, da caccia al tesoro o biscotti portafortuna cinesi, contengono gli ordini impartiti ai due allocchi. Sono servi assoggettati e prostrati nel fisico e nella mente. Come si abbatte un popolo? Non con le armi ma con l’indigenza prolungata. Si spalmano addosso lo yogurt, “Ronald el pajaso de Mac Donald” di Rodrigo Garcia, l’aceto sui capelli antipidocchi, la farina. Lo Studio si riempie di odori: il rivolo di vino al centro sul pavimento scuro, l’acre e pungente dell’aceto, la scena scivolosa da Comiche involontarie. Le due ballerine aguzzine e torturatrici sono un po’ legnose mentre giocano al gatto col topo, sono Vergini di Norimberga della Santa Inquisizione, angeli demoniaci, Thelma e Louise con un odio profondo contro il maschio. Li inseguono al piano superiore, li frollano, li massacrano in una sala regia illuminata a cono. Il grottesco vira nel finale in un concerto che non ha niente di ironico, molto freddo e pulp, con riferimenti troppo tangibili e espliciti: gli uomini tirati con il guinzaglio, l’interrogatorio, “Le iene” di Tarantino, sulla sedia girevole, la faccia di bacon, davvero rivoltante, tagliata in diretta e servita. Fino alla cascata di vino sangue.

Voto 7 ½  

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner