partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Claudio Vergnani
La sentinella
John Scalzi
L’ultima colonia
Stefano Fantelli
Strane Ferite
Tom Piccirilli
Nell’abisso profondo
Claudio Vergnani
L’ora più buia
Javier Márquez Sánchez
La festa di Orfeo
Riccardo D’Anna
La figura di cera
Andrea G.Colombo
Il Diacono
Gianfranco Manfredi
Tecniche di resurrezione
Claudio Vergnani
Il 36° giusto

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/09/2019 - 14:28

 

  home>libri > fantasy

Scanner - libri
 


Fabrizio e Nicola Valsecchi
B. e gli uomini senz’ombra
Mamma editori - Casaletto Lodigiano - 2004 Euro 14,50
pp. 224 narrativa, ISBN: 8887303134

 




                     di Giovanni Ballerini


Fabrizio e Nicola Valsecchi – Giorni di neve, giorni di sole, 2010
Fabrizio e Nicola Valsecchi – B. e gli uomini senz’ombra, 2004
Fabrizio e Nicola Valsecchi – La chiromante. Una profezia, 2002


Uomini senza ombra, non invisibili (anche se in un certo senso, dentro lo diventano), ma sicuramente senza più anima, privi di consapevolezza di se stessi.

E’ un noir atipico, un libro elegante per chi ama la suspence. Si legge tutto d'un fiato (e non si rimane delusi) B. e gli uomini senz’ombra, la seconda azzeccata creazione di Fabrizio e Nicola Valsecchi per Mamma editori. Come nel precedente, La chiromante, i due autori si intrecciano in una composizione a quattro mani che ha il dono raro di affascinare e fare pensare.

Il contesto è quello di una piccola città di provincia (M. Horizont) in cui la popolazione si annulla in cambio della felicità promessa da uno strano pifferaio magico (il dottor B.), mentre l’eroe di turno è un ragazzo muto che, nonostante sia un diversamente abile (e forse proprio per questo), non scende a compromessi. E continua a testa alta la sua avventura in questo microcosmo di esseri parlanti, ma a quanto pare poco pensanti, che sono ricordati con l’iniziale e un punto, come ne La Chiromante.

Non si tratta di una para – fantasy, ma di un inno alla parola, alla letteratura, alla comunicazione: quella degli stessi Valsecchi, che cresce di intensità pagina dopo pagina e quella del loro eroe che, abituato a vivere nel silenzio, usa la parola scritta come scudo, come specchio della mente. Mentre tutti gli altri abitanti del paese, come burattini, cedono alle lusinghe del diavolo - dottor B. e vendono l’anima (e l’ombra) in cambio di vedere realizzati i loro sogni. C’è un simpatico manipolo di resistenti, una sorta di mini compagnia di Belleville di pennachiana memoria, che si coagula a fianco del giovane muto (un’ideale voce del silenzio), contro la maggioranza senza ombre e ideali. Ma la vita per loro è dura, durissima, per tutte le 224 pagine del libro.

Anche in questo libro, i due gemelli di Cernobbio rendono viva, palpabile, la vita della provincia, ma si tratta in realtà di una riuscita metafora del mondo intero, probabilmente della globalizzazione (culturale ed economica) che spesso ci lascia senza difese, senza energie personali e quindi nella quasi impossibilità di reagire ai trend globali del momento. Proprio come questi uomini che si fanno sedurre dalla moda delle facili felicità lanciata dal dottor B., incuranti se poi la loro ombra va nell'altrove. Una parabola inquietante e fuori dal tempo, che in qualche modo, dopo aver sottolineato ancora una volta la tendenza umana all'omologazione, lascia qualche chance alla risorsa Internet, per una volta non demonizzata, ma anzi archetipo di una comunicazione in divenire.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner