partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Claudio Vergnani
La sentinella
John Scalzi
L’ultima colonia
Stefano Fantelli
Strane Ferite
Tom Piccirilli
Nell’abisso profondo
Claudio Vergnani
L’ora più buia
Javier Márquez Sánchez
La festa di Orfeo
Riccardo D’Anna
La figura di cera
Andrea G.Colombo
Il Diacono
Gianfranco Manfredi
Tecniche di resurrezione
Claudio Vergnani
Il 36° giusto

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/08/2019 - 09:00

 

  home>libri > fantasy

Scanner - libri
 


Claudio Vergnani
Il 36° giusto
Il mestiere di uccidere vampiri
Gargoyle books, pp.536, € 15,00

 




                     di Matteo Merli


Claudio Vergnani: Il 18° vampiro
Claudio Vergnani: Il 36° giusto
Claudio Vergnani: L’ora più buia
Claudio Vergnani: La sentinella


Il 18° vampiro dalla sua uscita ha costellato innumerevoli recensioni positive e un richiamo di lettori davvero eccellente, creando un caso nella letteratura di genere italiana. Ora Vergnani ci riprova con il seguito, Il 36° giusto. Le avventure di Claudio e Vergy continuano in questo voluminoso libro dove la guerra tra i vampiri e i cacciatori si tingono di un presente sull’orlo del collasso e se da una parte la sete irrefrenabile dei vampiri, rispecchia una schiavitù senza scampo, dall’altro gli umani ammazza vampiri sono reietti che nella loro semplice innocenza, lottano per riscattare il presente e godersi un insperato momento di giustizia. Le pagine di questo romanzo sono travolgenti, e lo scrittore di Modena è capace di assecondare il lettore per inoltrarlo nel mondo raccapricciante di questa battaglia sotterranea per descrivere minuziosamente i particolari più crudi, per poi far scaturire il suo lato horror nel disegnare visioni di corpi straziati e ferite sanguinanti.
Uno scenario macabro, dove i vampiri sono bestie dominate da istinti primordiali ridotti a corpi deformi e putrescenti e la loro insanabile sete è l’atto di una disperazione impulsiva che si avverte anche sotto la pelle degli umani in maniera palpitante, ma decisi ad ogni costo nel portare a termine le loro missioni. La struttura muta in maniera rilevante, perché non c’è più una storia unica, ma storie autoconclusive legate fra loro, che hanno un sapore nostalgico verso i serial televisivi degli anni ottanta. Se la prosa di Vergnani si involve in alcuni passaggi, con dialoghi a volte ridondanti e troppo insistiti, dall’altra sfoggia un umorismo volgare incline ad un paesaggio gore accelerato nelle sue forme narrative, forse troppo esasperato nei diversi richiami all’interno della trama. Certo le battute ripetitive e le metafore colorite funzionano per sottolineare il passaggio di alcuni momenti drammatici, ma lungo le 528 pagine del romanzo si avverte un eccesso d’utilizzo. Il 36° giusto si dirama attraverso due macro storie che si intrecciano a vicenda e funziona a dovere il finale che rimanda ovviamente ad un terzo capitolo della saga, ma se la coesione complessiva latita e non ha l’epos tragico del primo libro, dall’altro lo scrittore modenese prova un altro percorso narrativo, improntato prontamente sul genere con le sue citazioni e topos caratteristici per rilasciare un divertimento lugubre ma vitale nel rappresentare le sorti maldestre di questi cacciatori di vampiri alla ricerca di uno scopo che dia a loro un senso per vivere. Un assaggio godibile e dal piacere di lettura irrefrenabile nel seguire questa saga di provincia di vampiri assettati e di umani sconfitti dalla vita che ben presto diventerà un classico della lettura horror italiana.

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner