partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Francesco Guccini
Cittanòva blues
Miroslav Krleža
Il ritorno di Filip Latinovicz
Vanni Santoni
Gli interessi in comune
Kurt Vonnegut
Un pezzo da galera
Caro Vecchio Neon
Dedicato a David Foster Wallace
Luciano Ligabue
La neve se ne frega
Francesco Sapone
E di sorpresa abbiamo 40 anni (Ora solo io ora)
Piero Galletti e Maurizio Fabretti
Più colla compagni. Una storia degli anni '70
J. R. R. Tolkien
Lo Hobbit
Juan Manuel De Prada
La tempesta

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  05/03/2024 - 13:18

 

  home>libri > cult

Scanner - libri
 


Alex Garland
L'ultima spiaggia
Milano, Bompiani, 1997

 




                     di Paolo Boschi


E’ il romanzo d’esordio di Alex Garland, londinese, classe 1970, figlio del noto cartoonist Nick. La storia inizia con l’arrivo di Richard, un giovane inglese, nel variopinto crocevia multirazziale di Khao San Road, a Bangkok, nella classica pensione squallida. E’ qui che il protagonista ha uno strano incontro ravvicinato con il sedicente Mr. Duck che, in breve, si suicida dopo aver lasciato una mappa alla porta di Richard. In genere le mappe portano a tesori nascosti su isole deserte, in questo caso il tesoro in questione è una non meglio specificata spiaggia che, ben presto, nell’immaginario del ragazzo inglese e di due giovani fidanzati francesi suoi coetanei si configura come una sorta di paradiso intangibile allo sfruttamento turistico organizzato. E così i tre partono verso l’edenica meta, ci arrivano nonostante l’isola della spiaggia sia interdetta ai turisti quale riserva naturale e, alla fine, quando ci arrivano, la trovano già occupata. Già, perché nella splendida laguna che incornia e occulta la spiaggia, i tre pionieri del turismo alternativo autori della scoperta, hanno finito per scegliere di colonizzarla in versione ristretta, scegliendo via via i vari eletti degni di viverci, o accogliendo coloro che erano stati abbastanza coraggiosi da arrivarci in proprio. Perché pericoli da attraversare ve ne sono: un tratto di mare da attraversare senza traghetti – e dove gli squali sono una possibilità concreta –, un duro percorso tra le radure e la giungla dell’isola, un enorme salto nelle acque della laguna e, per finire, scafatissimi narcotrafficanti che sorvegliano le piantagioni segrete di erba, che nell’ambiente dell’isola thailandese prolifera come non mai. Quando Richard e la coppia di francesi arrivano, trovano una società con un capo, rigidamente organizzata in classi di lavoratori con proprie competenze ed orari: pescatori, carpentieri, contadini: i tre nuovi ‘bagnanti’ vi si integrano a perfezione, al punto che la cognizione del tempo non è che un ricordo sfumato – Richard si accorge dei suoi cambiamenti estetici (barba, capelli lunghi e pelle abbronzata) solo in un momentaneo ritorno alla civiltà per gli approvvigionamenti –. Il giovane protagonista, che ha Apocalipse now scolpito nella memoria, finirà per diventare la spalla dell’unico pseudo-militare della spiaggia, occupato in estenuanti avvistamenti (per nuovi ospiti indesiderati) e in rapide rapine di erba, amatissima dai coloni locali. Tra fumatine e ‘stonature’ da erba, si arriva anche fino al momento dell’immancabile collasso di una società forse troppo ideale, con un finale più teso e stringente che per certi versi non manca di rievocare in chiave ristretta la chiusa de Il signore delle mosche, il capolavoro del nobel William Golding, pure incentrato su una società insulare anche se infantile, pure diretto verso simili analoghe conclusioni: la fine del sogno dell’Eden in Terra. Il percorso che Garland sceglie per arrivarci è emblematico dei miti di consumo dei giovani alternativi di oggi: L’ultima spiaggia è piena di indefessi consumatori di sigarette e canne, di accaniti lettori di fumetti, di spettatori di cartoons della Warner Bros e di giocatori di Gameboy.

Alex Garland, L'ultima spiaggia, Milano, Bompiani, 1997; pp. 395

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner