partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Barcellona
Una città energizzante, elegante, culturalmente vivace
In viaggio con la cultura
Fiere, convegni, mostre e musica
La Puglia
Sempre più una regione da visitare
Percorso Artusiano
Lo special di Scanner sull'evento
Percorso Artusiano
Lo special di Scanner sull'evento
Percorso Artusiano
Lo special di Scanner sull'evento
Percorso Artusiano
Lo special di Scanner sull'evento
Fidarsi è bene
Il vino è per forza sincero e vero
Percorso Artusiano
Menu e blog
Percorso Artusiano
Lo special di Scanner, scanner.it

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/09/2020 - 16:31

 

  home>gusto > viaggi

Scanner - gusto
 


Percorso Artusiano
Lo special di Scanner, scanner.it
La strada da Forlimpopoli a Firenze
120 chilometri dal 26 al 30 marzo 2011

 




                     di Tommaso Chimenti


Percorso Artusiano, Lo special di Scanner, secondo giorno, 27 marzo 2011
Percorso Artusiano, Lo special di Scanner, primo giorno, 26 marzo 2011
Percorso Artusiano, Lo special di Scanner, il menù e il blog, 2011
Percorso Artusiano, Lo special di Scanner, incroci, scorci, 2011
Percorso Artusiano, Lo special di Scanner, la strada, 2011
Percorso Artusiano, Lo special di Scanner, la presentazione, 2011


Il count down per il via al Percorso Artusiano sta per finire. Siamo carichi. Tirati a lucido. Pronti. Come molle. Come ballerine di un carillon alle quali hanno appena finito di dare il giro alla manovella dietro la schiena.
Come sprinter con le mani sulla linea di partenza con le falangi bianche dalla pressione sul tartan. “Ho sognato una strada, che si ferma su un ponte, e che di là da un muro alto corre l'orizzonte. Mi ci vorrebbe una scala, mi ci vorrebbe una luce, mi ci vorrebbe il coraggio, di dare una voce”., dice Ivano Fossati in, appunto, “Ho sognato una strada. Io gli credo, gli sono debitore e seguace. La cerchiamo questa strada. Anche se non è la “retta via” dantesca. Potrebbe avere i connotati invece de “La cattiva strada” di De Andrè, semmai. “Con l’anima smaniosa a chiedere di un posto che non c’è” della “Strada facendo” di Baglioni. Ci avventureremo sperando di capire qual’è “La strada da prendere” che indicano i Tiromancino: “Quando non riesco più a capire quale sia la strada da prendere, da non confondere”. Ma “sono vivo abbastanza, comunque vada sempre sulla mia strada”, come dichiara Ligabue. Ma non dovremo fare come Cappuccetto Rosso che perse la strada nel bosco. Potremmo seguire l’insegnamento di Pollicino lasciando briciole sparse lungo il cammino. “Seguirò, traccerò un sentiero ovunque sia, una strada lunga, forse la mia”, ci redarguisce Pierangelo Bertoli. Ma anche Gaber diceva che “c’è solo la strada su cui puoi contare, la strada è l’unica salvezza”. E forse incontreremo Gelsomina e Zampanò di felliniana memoria. Oppure Gino. Intanto date un’occhiata al blog dove racconteremo l’impresa artusiapiedi.splinder.com.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner