partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Big Hero 6
Regia di Don Hall e Chris Williams
Capitan Harlock 3D
Regia di Shinji Aramaki
Le 5 leggende - Rise of the Guardians
Regia di Peter Ramsey
Madagascar 3: Ricercati in Europa
Regia di C. Vernon, E. Darnell & T. McGrath
Il Gatto con gli Stivali
Regia di Chris Miller
Kung Fu Panda 2
Regia di Jennifer Yuh
Cars 2
Regia di Brad Lewis & John Lasseter
Rio
Regia di Carlos Saldanha
Rango
Regia di Gore Verbinski
Rapunzel - L'intreccio della torre
Regia di N. Greno e B. Howard

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  02/04/2020 - 08:57

 

  home>cinema > cartoon

Scanner - cinema
 


Up
Regia di Pete Docter e Bob Peterson
Animazione; U.S.A.; 2009; C.
L'ultima magia d'animazione della Pixar

 




                     di Paolo Boschi


Monsters & Co.
Up


Non accade spesso che un film d’animazione costituisca l’evento d’apertura del festival di Cannes, ma è quello che è successo con Up nello scorso maggio e tale scelta è risultata perfettamente naturale considerando che si tratta dell’ultimo gioiello in cartoon firmato dalla Pixar che, anche dopo la fusione con la Disney, ha continuato a sfornare con regolarità meraviglie animate del livello di Ratatouille e dello splendido Wall-e, tanto per limitarsi agli ultimi titoli della serie. Anche in Up, diretto a quattro mani da Pete Docter, già autore di un capolavoro come Monsters & Co, e Bob Peterson, il 3D si conferma la nuova irrinunciabile esigenza del cinema d’animazione – basti pensare al recente L’era glaciale 3 –, per quanto l’evoluzione tecnologica rimanga decisamente in secondo piano rispetto all’afflato poetico che traspare dalla storia, capace di affrontare tematiche difficili con una leggerezza in perfetto accordo col titolo. Il protagonista di Up è il settantottenne Carl Fredricksen, disilluso venditore di palloncini in pensione con poche speranze in vista nel suo limitato orizzonte. Carl, che pare una via di mezzo tra Spencer Tracy e Walter Matthau, peraltro è un vedovo inconsolabile: lui ed Ellie fin da bambini erano legati dal comune sogno di diventare esploratori, viaggiare in Sud America fino alle cascate del Paradiso, poi sono cresciuti, si sono sposati ed hanno vissuto con tanto amore nella classica casetta americana pulita ed ordinata, mentre Carl si guadagnava da vivere vendendo palloncini. Alla fine però la sua adorata Ellie è morta e Carl è rimasto solo a pensare a quei sogni in comune che non si erano mai realizzati, con una visuale sempre più chiusa dai cantieri che circondano la sua villetta in una morsa minacciosa. È così che il buon Carl ha un’impennata d’orgoglio e decide di partire con tutta la sua casa, sollevandola grazie a migliaia di palloncini colorati per recarsi alla volta delle cascate del Paradiso e realizzare così il suo sogno giovanile. Purtroppo nella spettacolare ascesa resterà coinvolto anche Russell, un corpulento boyscout goffo e petulante quanto simpatico, che diventerà giocoforza il compagno d’avventure dell’indomito vecchietto. Approdati non senza difficoltà proprio a due passi dall’obiettivo del protagonista, la strana coppia diventerà un ancora più curioso quartetto con la variopinta pennuta Kevin e con il cane parlante Dug: l’assortito gruppo dovrà unire le forze per far fronte alla minaccia di Muntz, il vecchio esploratore che, con le sue gesta avventurose, aveva ispirato Fredriksen bambino. Nonostante il suo fantastico sogno di libertà, il burbero protagonista scoprirà ad un certo punto che l’avventura più grande è l’amore sincero per la persona con cui abbiamo scelto di passare la vita. Up racconta una deliziosa parabola sull’amicizia di una coppia strana quanto improbabile che riesce ad avverare un sogno nonostante imprevisti e pericoli grazie alla solidarietà reciproca, alla speranza verso qualcosa in cui credere al di là di ogni logica razionale, ad andare avanti sempre e comunque. Sarebbe già abbastanza, ma Up regala anche una poetica ed articolata riflessione sulla solitudine, sulla vecchiaia, sull’elaborazione del lutto, sul valore del sogno e del ricordo: temi notoriamente pesanti ma affrontati con una freschezza ed una leggerezza non comuni. Il tutto come sempre annaffiato da dosi corpose di citazioni cinefile. Un cartoon che intrigherà i piccoli e (soprattutto) commuoverà gli adulti: i critici al di là dell’Atlantico lo hanno già definito il Gran Torino dei film d’animazione e, stranamente, per una volta ci hanno azzeccato. Assolutamente non perdere.

Up, regia di Pete Docter e Bob Peterson; animazione; U.S.A.; 2009; C.; dur. 1h e 44’

Voto 8½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner