partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 14:13

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


The Reader - A voce alta
Regia di Stephen Daldry
Cast: Ralph Fiennes, Kate Winslet, Bruno Ganz; drammatico/sentimentale; U.S.A./Germania; 2008; C.

 




                     di Paolo Boschi


Billy Elliot - Recensione
Billy Elliot - Presentazione
The Hours
The Reader - A voce alta


L’acclamato autore di Billy Elliot e The Hours torna a parlarci di adolescenza e sentimenti con una storia che affronta la Shoah da una prospettiva molto originale, attraverso una rilettura à rebours che il protagonista fa del proprio irrisolto passato. Tutto prende avvio nella Germania del dopoguerra, negli anni Cinquanta, quando Michael Berg, un ragazzo nel bel mezzo dei primi turbamenti sessuali, viene colto da un malore e soccorso da Hanna, un’avvenente donna sui trent’anni, di professione controllore di biglietti tramviari. Ritornato a casa, il giovane protagonista scopre di avere la scarlattina ed è costretto a letto per settimane finché, appena rimessosi in piedi, va in cerca di Hanna per ringraziarla dell’aiuto e si lascia coinvolgere da lei in una relazione appassionata e segreta. Oltre ai frequenti rapporti sessuali il rapporto tra i due è anche caratterizzato dalle letture dei classici che Hanna ama ascoltare dalla viva voce di Michael, che inizia leggerle Omero, Cechov e molti altri autori. È una relazione problematica non soltanto a causa della differenza d’età tra Hanna e Michael, ma anche dall’estrema reticenza che la giovane donna ha verso se stessa ed il proprio passato, caratteristica che contribuisce a renderla ancora più misteriosa ed intrigante. La relazione dura soltanto il tempo di un’estate, interrompendosi per l’improvvisa scomparsa di Hanna in seguito ad una promozione con conseguente trasferta: Michael cristallezzarà emotivamente questa esperienza finché anni dopo, ormai studente universitario di legge, si ritroverà davanti Hanna come imputata in un processo per i crimini perpetrati dai Nazisti durante la guerra, accusata dell’omicidio di trecento donne ebree insieme ad altre colleghe – le quali, a differenza di lei, non confessano con ottusa ingenuità la loro colpevolezza ma ipocritamente si proclamano innocenti –. Mentre l’ombroso passato di Hanna viene a galla impietosamente, il suo giovane ex amante scopre un importante segreto che continuerà ad influire sulle vite di entrambi: la donna infatti era ed è tuttora analfabeta, circostanza che parzialmente la scagionerebbe dai crimini compiuti, ma è disposta ad incassare l’ergastolo in silenzio pur di evitare la vergogna di ammettere davanti a tutti di non saper leggere né scrivere. Nonostante sia combattuto tra l’afflato dell’amore di un tempo e la repulsione per una donna ottusa quanto mostruosa, sarà proprio Michael, nel corso degli anni, a tenderle un filo verso l’alfabetizzazione inviandole in prigione prima audiocassette con incise le registrazioni dei romanzi che Hanna amava, quindi libri che le consentiranno di imparare tardivamente a leggere. E nel finale Michael troverà perfino il coraggio per cercare una sorta di perdono postumo per Hanna e qualcosa di simile ad una catarsi per se stesso. Dall’omonimo romanzo di Bernhard Schlink il talentuoso Daldry ha tratto un film altamente simbolico sul senso di colpa che nel dopoguerra ha afflitto intere generazioni di Tedeschi oppressi dalla responsabilità indiretta dell’Olocausto. In The Reader risulta atipica ed assai originale la prospettiva scelta per rappresentare la banalità del male, attraverso l’ottica di una Kate Winslet da Oscar, misteriosa quanto conturbante da giovane, rinchiusa nella sua intimistica espiazione di anziana reclusa, bravissima in un ruolo in cui la vediamo evolvere dai trenta alle soglie dei settanta anni. Le fa buona compagnia un ottimo Ralph Fiennes nel ruolo di Michael adulto nella cornice narrativa che inquadra e contrappunta in modo non lineare l’amore di un tempo e la spiazzante ricomparsa di Hanna in tribunale. Da non perdere.

The Reader - A voce alta (The Reader), regia di Stephen Daldry, con Ralph Fiennes, Kate Winslet, Bruno Ganz, Ludwig Blochberger, Jeanette Hain, Volker Bruch, Linda Bassett, Claudia Michelsen; drammatico/sentimentale; U.S.A./Germania; 2008; C.; dur. 2h e 2’

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner